Latte materno da mucca geneticamente modificata arriva dalla Cina

di Marco Mancini 2

La ricerca sulle mutazioni genetiche e la clonazione ha fatto un passo in avanti e pare sia arrivata a produrre latte materno, uguale a quello umano, dalle mucche. E’ quanto oggi alcuni scienziati affermano dopo aver analizzato un nuovo investimento nel settore in Cina.

La China Agricultural University è riuscita a creare delle mucche al 99% identiche alle mucche normali, soltanto che una variazione genetica gli permette di produrre latte umano. La ricerca è stata finanziata con fondi pubblici in quanto pare ci sia un allarme secondo cui molte neo-mamme cinesi non producono più latte, o non hanno il tempo per allattare i propri figli. E così ecco la soluzione: vendere latte materno al supermercato.

Ma siccome, persino lì, vendere latte materno prodotto da un’altra persona è considerata una pratica abominevole, ecco che l’ostacolo è aggirato con la migliore fabbrica di latte mondiale, la mucca. I bambini non digeriscono il latte bovino, e così questa piccola modifica permetterà di nutrire anche i più piccoli. Ma non finisce qui.

Grazie appunto alla modifica genetica è possibile “rinforzare” il latte, fornendogli dei nutrienti, che una donna normalmente non produce, ma che dovrebbero far sviluppare più sano e forte il bambino. Ad esempio la lisozima dovrebbe proteggere i bambini dalle infezioni mentre la lattoferrina dovrebbe rafforzare il sistema immunitario. In Cina dovrebbe arrivare tra non molto sugli scaffali dei supermercati, mentre alla notizia del suo arrivo in commercio, in Europa e nel resto del mondo si è alzato un coro di proteste.

Secondo la Reale Società per la Protezione degli Animali c’è un problema di fondo: se ribaltiamo il problema vediamo che adesso le mucche che producono latte umano devono allattare anche i loro piccoli, ma questi essendo degli animali, non trovano le sostanze nutrienti necessarie in questo latte, e per questo crescono deboli e fragili, con gravi effetti sulla loro salute. Secondo Helen Wallace di GeneWatch, associazione per il controllo degli sviluppi delle biotecnologie, ci sarebbero troppi interrogativi ancora non risposti e non sono state fatte ricerche su larga scala. Per tutti questi motivi abbiamo ragione di credere che il latte umano prodotto dalle mucche non arriverà, ancora per molti anni, in Occidente.

Allattare al seno. Tutti i benefici del latte materno
La carne di animali clonati entra nella catena alimentare
La composizione del latte materno

[Fonti: Repubblica; il Quotidiano Italiano]

Commenti (2)

  1. Sembra strana come storia già solo a leggerla… non condivido per niente questi esperimenti o trovate ma forse potrebbero essere d’aiuto a chi non può allattare i propri bambini; anche se per me resta un’esagerazione http://dipen.de/sondaggi/mucca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>