Adolescenza: essere popolari fra i coetanei non è un imperativo per tutti

di Salvina 2

Contrariamente a quanto creduto da molti adulti, spinti in questa direzione spesso anche da film e telefilm provenienti perlopiù da oltreoceano che mostrano incessantemente il clichè dell’adolescente disposto a tutto pur di diventare popolare fra i coetanei, non tutti i ragazzi sono alla spasmodica ricerca di ammirazione e popolarità.

Molti si fanno “bastare” l’appartenenza a un piccolo gruppo di coetanei con i quali condividere uno scopo o un progetto e, attraverso di essa, esprimere la propria personalità e trarre un adeguato senso di accettazione sociale. A dimostrarlo uno studio condotto da Kathleen B. McElhaney, Jill Antonishak e Joseph P. Allen della University of Virginia e pubblicato sull’ultimo numero della rivista scientifica bimestrale Child Development.


Lo studio ha coinvolto 164 adolescenti di diversa provenienza sociale, intervistati prima a 13 e poi a 14 anni, la cui popolarità nel gruppo dei pari è stata valutata mediante interviste rivolte ai loro amici più cari dello stesso sesso. Per quelli tra loro che mostravano uno sviluppo più equilibrato non essere particolarmente popolari non incideva negativamente sulle funzioni sociali.

In altre parole i ragazzi dotati di una maggiore autostima non hanno bisogno di essere riconosciuti come i più popolari per “riuscire”: per questi ragazzi non ha molta importanza essere riconosciuti come leader e piacere a tutti (ammesso che questo sia possibile) e a tutti i costi, ma “trovare il proprio posto nella società” e ricoprire un ruolo comunque apprezzato, anche se ciò non comporta il fatto di primeggiare o apparire migliore di altri. Mentre lo stesso non può dirsi per i ragazzi più isolati e visti con ostilità.

In questo processo, come sottolinea Kathleen B. McElhaney, una delle autrici dello studio, ha molta importanza l’appartenenza a un gruppo di persone scelte in autonomia, ed è fondamentale che tale appartenenza sia costruita su uno scopo o ad un progetto comune.

Commenti (2)

  1. Gentile Salvina, ho letto con attenzione il suo articolo. le sue parole svelano un elemento fondamentale , vale a dire la parte di realtà che spesso i pregiudizi ci impediscono di vedere.
    considerare che i giovani “disposti a tutto, presentati ogni giorno dai mass media, sono solo una percentuale, ci offre la possibilità di riscoprire le risorse dei nostri ragazzi che troppo spesso vengono privati della considerazione e della fiducia degli adulti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>