Scoperto ormone che può funzionare da contraccettivo

di Marco Mancini 1

Quasi 10 anni dopo la scoperta che gli uccelli producono un ormone che sopprime la riproduzione, i neuroscienziati della University of California di Berkeley hanno dimostrato che gli esseri umani possono fare lo stesso, aprendo la strada allo sviluppo di una nuova classe di contraccettivi e di possibili trattamenti per il cancro o altre malattie.

L’ormone GnIH, inibitore dell’ormone gonadotropina, ha l’effetto opposto della gonadotropina che rilascia ormone, importante per la riproduzione. Mentre GnRH innesca una cascata di ormoni per il sesso e la procreazione, il GnIH mette un freno a questa cascata.

Identificare l’ormone inibitorio negli esseri umani ci costringe a rivedere la nostra comprensione del meccanismo di controllo della riproduzione umana. Ci auguriamo che questo stimolerà studi clinici su persone con pubertà precoce o in materia di contraccezione

ha detto il primo autore Takayoshi Ubuka del Dipartimento di biologia integrativa alla UC Berkeley e al Helen Wills Neuroscience Institute.

Poiché gli ormoni riproduttivi spesso promuono la crescita delle cellule tumorali, il GnIH potrebbe anche funzionare come un agente anti-cancro.

Spesso, il trattamento di tumori ormone-sensibili comporta antagonisti del GnRH, con dosi molto elevate di GnRH, che provocano effetti collaterali. Forse si può usare qualcosa che inibisce la riproduzione a livelli fisiologici, in modo che si possano bypassare alcuni di questi effetti indesiderati

ha aggiunto George Bentley, assistente professore di biologia integrativa nell’ateneo americano. I ricercatori dell’Università di Berkeley hanno estratto due versioni dell’ormone dal cervello umano. Hanno scoperto che il gene umano GnIH produce una proteina precursore che viene tagliata fino a formare 12 e 8 aminoacidi peptidi maturi.

Uno dei peptidi negli ovini ha la stessa sequenza di aminoacidi, come il peptide umano, in modo da poter studiare la sua attività negli ovini per conoscere la sua attività negli esseri umani. E’ probabile che la funzione di GnIH si sia evolutivamente conservata.

Essi hanno inoltre dimostrato che gli ormoni sono presenti in una regione del cervello, l’ipotalamo, che controlla la riproduzione. Inoltre, il GnIH colpisce le cellule nervose che secernono GnRH, che è in linea con i precedenti risultati di regolazione del GnIH. Infine, hanno scoperto che l’ipotalamo e l’ipofisi, due parti principali dell’asse riproduttivo nel cervello, hanno recettori per gli ormoni.

Il GnIH preme il pulsante di pausa sulla riproduzione, ma in una varietà di modi. Si può agire sui neuroni GnRH nell’ipotalamo, con il rilascio dell’inibizione del GnRH , ma può agire direttamente sulla ghiandola pituitaria, o può influenzare direttamente le gonadi. L’effetto complessivo è quello di inibire la riproduzione, ma a diversi livelli dell’asse riproduttiva.

Il GnIH potrebbe anche essere un regolatore chiave della pubertà. Bentley e Ubuka continuare a indagare su come il GnIH agisce negli esseri umani così come negli altri animali.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>