Epistassi, cosa fare quando sanguina il naso

di Ma.Ma. Commenta

L’epistassi è il termine con il quale viene indicato il sanguinamento del naso. Cosa fare per contrastare questo problema quando si presenta?

6 cose sapere sul raffreddore


In generale, se l’epistassi si presenta di frequente, il consiglio è quello di sottoporsi a una visita specialistica da un bravo otorino che analizzerà il vostro apparato respiratorio ed in particolare userà uno strumento ottico per analizzare le vostre cavità nasali. Ma quando il naso incomincia a sanguinare all’improvviso, prima ancora di pensare a una visita medica, occorre intervenire. Il consiglio è quello di sedersi con la testa flessa in avanti, comprimendo l’ala del naso con il setto compromesso. Con queste poche manovre l’epistassi, se anteriore, si ferma; quando invece l’epistassi è posteriore o troppo estesa, allora ecco che l’utilizzo di tamponi utili a farmare l’emorragia è necessario.

E’ importante non sottovalutare questo problema ed ecco perché, nel caso spesso e volentieri vi sanguini il naso, è il caso di procedere con controlli mirati per escludere che l’epistassi possa nascondere altre patologie. E’ questo un disturbo molto frequente nei bambini, un po’ meno negli adulti che devono prontamente farsi visitare da uno specialista nel caso in cui il disturbo si presenti con frequenza. Tante possono essere infatti le cause che lo determinano sulle quali vale la pena indagare.

Ti potrebbe interessare anche:

Sangue dal naso: vademecum su cosa fare e cosa evitare

Sangue dal naso, deve preoccupare negli adulti?

Ipertensione: tra i sintomi anche il sanguinamento dal naso

Tosse con sangue: tumore o altre cause dell’emottisi

Photo | Thinkstock