Plaquenil in allattamento si può prendere?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Plaquenil in allattamento
Sono affetta da artrite reumatoide da 5 anni e sono in cura con il plaquenil. Ho avuto una bambina due mesi fa. In gravidanza ho continuato la Terapia, in allattamento posso continuare ad assumerlo? C’è qualche rischio? Grazie.

 

Specializzazione Reumatologia

Tipo di Problema Artrite reumatoide e Plaquenil in allattamento si può prendere?

Risponde il Prof. Flavio Fantini, Docente di Reumatologia dell’Università di Milano, Primario Emerito di Reumatologia dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano.
Specialista anche in Cardiologia e Medicina Interna, per lungo tempo è stato Primario Reumatologo e Direttore del Dipartimento di Reumatologia e delle Specialità Cliniche di Supporto presso l’Istituto Ortopedico Gaetano Pini nonché Ordinario di Reumatologia e Direttore della Scuola di Specializzazione in Reumatologia presso l’Università di Milano, mantenendo ancora oggi con queste Istituzioni rapporti di collaborazione.  Attualmente mantiene l’incarico di Consigliere nel Direttivo dell’Associazione Lombarda dei Malati Reumatici (ALOMAR).

Esercita in Milano l’attività libero-professionale. Per contatti diretti o appuntamenti visitate il blog personale che il Prof. Fantini gestisce www.ilreumatologorisponde.com .

 

Gentile Signora,non sono stati osservati effetti negativi sul neonato  da allattamento da parte di madri che assumevano il Plaquenil. Per cui non è necessario che interrompa il trattamento.
Cordiali saluti.
Prof. Flavio Fantini

 

Ti potrebbe interessare anche:

ALLATTAMENTO AL SENO, I CIBI DA EVITARE

ALLATTAMENTO AL SENO, 10 REGOLE DA SEGUIRE

 

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti

Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive,

ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>