4 benefici del consumo di semi di lino

di Valentina Cervelli Commenta

Ecco 4 benefici del consumo di semi di lino. Essi fanno parte di quei cibi che, se sfruttati nelle quantità adeguate, sono perfetti per promuovere il benessere della persona che li integra nella propria alimentazione.

1. Aiutano a perdere peso

I semi di lino sono in grado di aiutarti a perdere peso. Ma attenzione devono essere consumati nelle giuste quantità. Essi infatti danno una sensazione di sazietà a chi li consuma. Pieni di omega 3 contengono però una buona dose di grassi che, se mal calibrata, può ottenere gli effetti contrari. Non esageriamo quindi ponendoli su ogni cibo che consumiamo.

2. Abbattono il colesterolo

Gli omega 3 sono protagonisti anche in questo caso. E’ proprio grazie alla loro presenza che i semi di lino aiutano a far abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. Questo significa allontanare il rischio di ipertensione e di malattie cardiovascolari favorendo la salute generale della persona.

3. Combatte l’acne

Chi soffre di acne, sia giovane che adulto, può trovare in questo alimento un ottimo alleato contro il problema. Anche se in questo caso, va sottolineato, le sementi non sono da usare strettamente come cibo bensì come base per la creazione di un rimedio da utilizzare direttamente sulla pelle. La farina di semi di lino deve essere miscelata con acqua naturale fino a ottenere una pasta liscia. Bisogna poi prendere un pezzo di garza, mettervi il composto ottenuto e porlo sopra la parte colpita dai brufoli. La pelle risulterà più liscia dopo averla tenuta sulla zona per 30 minuti.

4. Fonte di sali minerali

I semi di lino sono uno degli alimenti più completi che possono essere inseriti in una dieta. Fibre, vitamine e sali minerali concorrono a renderli uno dei cibi perfetti per tutti coloro che seguono una dieta vegetariana e vegana e che necessitano di assumere delle sostanze altrimenti contenute in pesci o carni. Oltre ai sopracitati grassi acidi sono un’ottima fonte di proteine, vitamine del gruppo B e sali minerali come il fosforo, il magnesio, il rame ed il manganese.

Photo Credits | Christian Jung / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>