Occhio alle merendine: contro l’obesità infantile arrivano schifezzometro e panciometro

di Paola 2

Un nuovo metodo educativo per sconfiggere l’obesità infantile arriva da Gabriele Buracchi, docente di psicobiologia della nutrizione alla facoltà di medicina di Pisa, che ha pubblicato un libro con un titolo-monito molto esplicito: Occhio alle merendine. (Bracciali Editore)

Tra bibite, patatine e snack i bambini ingeriscono ogni giorno più di 800 calorie che, rapportate al fabbisogno quotidiano di un massimo di 2000 calorie, non sono certo poche e costituiscono una pericolosa riserva di grassi e zucchero.
Per darci un taglio con gli spuntini fuori pasto, Buracchi propone un mini corso di educazione alimentare, corredato da un cd-gioco interattivo da fare con mamma e papà.
Le unità di misura dei cibi sono a prova di bambino: il panciometro, da o a 22 pance, indica il potere ingrassante di un determinato prodotto industriale; lo schifezzometro valuta invece la quantità di additivi chimici (conservanti, antiossidanti, aromi e così via) presenti negli alimenti confezionati; infine il risparmiometro, che forse serve più ai genitori, che indica il prezzo al chilo del prodotto in esame, che in genere costa molto più della frutta di stagione (lo spuntino più sano raccomandato dai nutrizionisti).
[via]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>