La cellulite: trattamenti vari ed efficacia

di liulai 6

Oggi parliamo della cellulite (meglio detta panniculopatia ede­mato-fibro-sclerotica o ipertrofia pannicolo-lobulare), un inesteti­smo molto diffuso anche se in buona parte fisiologico. Si realizza in soggetti predisposti in seguito a stimoli ormonali ed ambientali e non va confusa con la semplice adiposità localizzata, vale a dire l’eccesso di grasso sottocutaneo di chi è in sovrappeso. A differenza di quest’ultima, che si distribuisce diffusamente su tutto il corpo, la cellulite si presenta in ge­nere in sedi particolari, quali le cosce e i glutei, anche in soggetti che obesi non sono.

E vi è di più: mentre l’adiposità tende notoriamente ad attenuarsi con una dieta appropriata, la cel­lulite risente poco dei sacrifici a ta­vola. Quale il motivo? Nel caso della cellulite, il grasso sottocuta­neo sembra comportarsi da “riserva energetica“, accrescendosi in seguito a stimoli ormonali ma ri­spondendo meno bene agli stimoli metabolici. Come combatterla, allora? Innanzitutto recandosi da un Medico, meglio se Dermatologo. Nel corso di una visita accurata volta innanzitutto a stabilire se si tratti di cellulite vera e propria o di semplice adiposità localizzata, egli procederà a raccogliere informa­zioni sullo stato di salute generale, sulle abitudini di vita, sull’attività fi­sica svolta, sull’assunzione di eventuali farmaci, etc., per poi proporre gli interventi più appro­priati.

 Più che di un ridotto apporto calo­rico il soggetto affetto da cellulite può beneficiare di una dieta che privilegi maggiormente gli alimenti proteici (carni bianche, pesce, legumi) a discapito di carboidrati (dolci, pane e pasta) e grassi, al fine di migliorare il trofi­smo dei muscoli degli arti inferiori, che con la loro pressione sui vasi venosi e linfatici si oppongono al ristagno dei liquidi nelle aree inte­ressate. Allo stesso scopo, riducendo l’ap­porto di sale da cucina ed aumen­tando quello di verdura e frutta (su tutti, ananas, pompelmo e mirtilli), si contrasta la ritenzione idrica e si rafforzano le pareti vascolari.

 Ginnastica, bicicletta, corsa leggera o lunghe camminate (per attivare il metabolismo) sono mo­menti fondamentali nel tratta­mento della cellulite. Un buon trainer sarà in grado di indicarvi il programma più adatto. Insieme alla sedentarietà, altri fat­tori concorrono alla realizzazione degli inestetismi della cellulite: fumo, stress, alcool, pillola anti­concezionale, qualità del sonno sono solo alcuni dei punti “critici” da migliorare. Il tempo passa, ma il massaggio resta un caposaldo insostituibile nella gestione della cellulite. Ad af­fiancare il  massaggio manuale vi sono poi svariate apparecchiature elettromedicali (endermologia, ul­trasuonoterapia, linfodrenaggio meccanico, elettronoterapia, la­serterapia, ionoforesi, etc.) che possono integrarne e potenziarne gli effetti.

 E il massaggio-fai-da-te? Il mercato offre un’infinita gamma di “prodotti anticellulite” in crema, cerotti, bende. Le formulazioni si moltiplicano, ma i principi attivi im­piegati sono sempre più o meno gli stessi: escina, centella, brome­lina, caffeina, estratti tiroidei fanno la parte del leone. L’efficacia reale? Difficile rispondere. Tutto sta nell’effettiva capacità di assor­bimento della varie sostanze attraverso la cute. Serve proprio a superare le diffi­coltà di assorbimento di cui sopra. In questo caso il Medico somministra i vari principi attivi mediante piccoli aghi, singoli o multipli, collegati ad una normale siringa, direttamente nel contesto della cute.

Il tratta­mento è un po’ doloroso, ma la sua efficacia è spesso evidente. I farmaci iniettabili più utilizzati sono il mesoglicano, la teofillina e la fo­sfatidilcolina. Molto utilizzati in mesoterapia sono anche i rimedi omeopatici/omotossicologici. Rappresentano potenziali alterna­tive alla mesoterapia tradizionale. Sono l’elettrolipolisi, l’ozonotera­pia, l’idrocefluolisi, tutte metodi­che che prevedono in ogni caso l’infissione di aghi nel contesto del derma o del tessuto adiposo. 

 Con quest’ultimo trattamento si entra a tutti gli effetti nel­l’ambito della chirurgia estetica. La liposuzione o liposcultura si basa sul principio che le cellule adipose si moltiplicano solo fino all’età pu­berale ed in seguito possono solo aumentare di volume, ma non di numero. Ciò vuol dire che se noi estraiamo con un’apposita cannula il tessuto adiposo sottocutaneo, quest’ul­timo non potrà riformarsi e per­tanto la correzione del profilo ottenuta si manterrà più o meno stabile nel tempo.

Commenti (6)

  1. Post interessante e completo!
    E poi, è giusto focalizzare l’attenzione sul termine giusto per indicare la cellulite in quanto esistono quadri clinici completamente differenti tra di loro che richiedono approcci differenti o combinati.
    http://www.myskin.it/blog/cellulite-rimedi-efficaci-e-miti-da-sfatare/

  2. Ciao a tutti, io ne ho provato tanti rimedi e ho trovato una crema efficace che si chiama Procellix , gia’ si vedono i risulati dopo i primi 40 min. Una cosa incredibile, costa un po’ ma vale la pena

  3. qualcuno invece ha mai sentito parlare della cavitazione? è un trattamento che ultimamente va per la maggiore ma non ho ben capito di cosa si tratta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>