Anna Falchi lancia l’allarme: “ragazze, non vi rifate”

di Marco Mancini 1

A quasi 40 anni la maturazione di una donna arriva al culmine, e di certo non stiamo parlando di quella fisica. E così una delle maggiorate più famose d’Italia, Anna Falchi, torna sui suoi passi, ammettendo una volta per tutte di essersi pentita della scelta fatta una ventina di anni fa di rifarsi il seno, e dai microfoni de La vita in diretta chiede a tutte le ragazze di oggi di non imitarla.

Sconsiglio a tutte le giovani di rifarsi il seno. È un errore di cui dopo un po’ ci si pente.

Le protesi infatti ti danno la soddisfazione di vederti bella e di sentirti apprezzata nel breve periodo, ma alla lunga diventano una schiavitù. Bisogna controllarle spesso, sostituirle perché dopo un po’ di tempo scadono, e delle volte l’operazione è anche pericolosa.

Rifarsi il seno (e non solo) è sempre stata una moda, ma oggi, con l’esempio di Cristina del Grande Fratello, è tornato ancora di più sulla bocca di tutti, e nei sogni delle adolescenti italiane. La Falchi ha ammesso di averlo fatto perché i suoi seni naturali avevano qualche difetto, uno era più grande dell’altro e quindi chiese al medico di rifarli uguali ed anche più grandi, visto che, per la sua altezza, sarebbero stati effettivamente più adatti.

Oggi invece è più comune rifarsi il seno giusto perché lo si vuole più grande, per essere più appariscenti, e perché spesso non si vuole attendere che la natura faccia il suo corso, anticipando lo sviluppo chirurgicamente. Come abbiamo più volte annotato in altri articoli, sono tanti i chirurghi che sconsigliano queste operazioni alle ragazze giovanissime, appena sopra i 18 anni, perché potenzialmente pericolose per la propria salute. Se si vuole un seno prorompente basta aspettare un po’ di più, potrebbe regalarvelo madre natura. Se poi a consigliarvelo è un’esperta come Anna Falchi che parla addirittura di ” errore irreversibile”, potete crederci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>