Encopresi

di Marco Mancini 1

Encopresi

L’encopresi è la defecazione in un bambino che ha imparato ad usare il WC (tipicamente oltre i 4 anni), che provoca l’imbrattamento dei vestiti.

CAUSE: L’encopresi è spesso associata a stipsi ed occlusione fecale. Spesso del materiale fecale indurito rimane nel colon ed il bambino può espellere delle feci morbide o liquide. La perdita di feci può verificarsi durante il giorno o la notte. Le cause fisiche sono raramente diverse dalla costipazione.

Altre cause possono essere:

  • Mancanza di educazione al vasino;
  • Insegnamento dell’uso del vasino in età troppo precoce;
  • Disturbi emotivi come disturbo oppositivo-provocatorio;
  • Disturbo del comportamento.

Qualunque sia la causa, il bambino può sviluppare vergogna associata, senso di colpa o perdita di autostima. Il bambino può tentare di nascondere il problema. I seguenti fattori possono aumentare il rischio di encopresi:

  • Essere maschio;
  • Costipazione cronica;
  • Status socioeconomico basso.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Incapacità di trattenere le feci (incontinenza fecale);
  • Evacuazione in luoghi inappropriati (generalmente addosso);
  • Comportamento reticente associato alla defecazione;
  • Stitichezza e feci dure;
  • Passaggio occasionale di feci molto grandi che blocca anche la toilette.

DIAGNOSI: L’esame digitale della zona rettale può mostrare un fecaloma. Una radiografia può confermare che le feci sono state rilevate nel colon.

TERAPIA: L’obiettivo è quello di incoraggiare abitudini intestinali buone e prevenire la costipazione. Lassativi e clisteri a volte sono usati per rimuovere i fecalomi. Un ammorbidente delle feci è spesso prescritto. Una dieta ricca di fibre, come frutta, verdura, prodotti integrali, e un’adeguata assunzione di liquidi, promuoveranno il passaggio di feci più morbide e ridurranno al minimo il disagio associato con la defecazione. Un altro modo di trattare questo problema è quello di dare minerali e olio aromatizzato al bambino in quantità sufficiente per agevolare la defecazione. Questo è un ottimo trattamento a breve termine, ma deve essere evitato a lungo termine a causa delle interferenze con calcio e vitamina D.

I genitori dovrebbero supportare il bambino e ad astenersi da critiche o scoraggiamento. I gastroenterologi pediatrici spesso forniscono istruzioni ai genitori ed al bambino per trattare i casi più difficili. La psicoterapia può aiutare il bambino con la vergogna, senso di colpa, o la perdita di autostima. Per l’encopresi in assenza di costipazione, la valutazione psichiatrica può aiutare a determinare la causa.

PROGNOSI: La maggior parte dei bambini risponde al trattamento. Possibili complicazioni possono essere bassa autostima legata alla disapprovazione dei coetanei e dei parenti per questo problema. Se le abitudini intestinali di routine non vengono sviluppate, il bambino può soffrire di stitichezza cronica.

Contattare un medico se questo comportamento è stato notato in un bambino di più di 4 anni.

PREVENZIONE: Poiché le cause spesso sono oscure, la prevenzione è difficile. Come regola generale, astenersi dall’insegnare ad usare il vasino troppo presto ed in modo troppo coercitivo.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>