Disturbo oppositivo provocatorio

di Marco Mancini 1

Disturbo oppositivo provocatorio

Il disturbo oppositivo provocatorio è un atteggiamento di disobbedienza, ostilità e provocazione verso figure autoritarie.

CAUSE: Questo disturbo è più comune nei maschi che nelle femmine. Alcuni studi hanno dimostrato che colpisce il 20% dei bambini in età scolare. Tuttavia, molti esperti ritengono che questa cifra sia elevata a causa di diversi cambiamenti nella definizione del comportamento infantile normale e possibili pregiudizi razziali, culturali o di genere.

Questo comportamento inizia in genere dagli 8 anni, ma potrebbe iniziare già nella età prescolare. Questo disturbo si crede possa essere causato da una combinazione di fattori biologici, psicologici e sociali.

SINTOMI: I più comuni vedono il bambino che:

  • Non segue le richieste degli adulti;
  • Ha rabbia e risentimento verso gli altri;
  • Sfida gli adulti;
  • Incolpa gli altri per i propri errori;
  • Ha pochi o nessun amico o perde gli amici;
  • Ha difficoltà costante a scuola;
  • Ha un atteggiamento da perdente;
  • Ricerca la vendetta;
  • Si infastidisce facilmente.

Per confermare questa diagnosi, l’atteggiamento deve durare per almeno 6 mesi e deve avvenire in un bambino che ha avuto un’infanzia normale. Il modello di comportamento deve essere diverso da quello degli altri bambini della stessa età e livello di sviluppo e deve portare a notevoli problemi nelle attività scolastiche o sociali.

DIAGNOSI: I bambini con sintomi di questo disturbo devono essere valutati da uno psichiatra o psicologo. Nei bambini e negli adolescenti, le seguenti condizioni possono causare problemi di comportamento simile e dovrebbe essere considerati come patologie alternative:

  • Disturbi d’ansia;
  • Attenzione-deficit/iperattività (ADHD);
  • Disturbo bipolare;
  • Depressione;
  • Disturbi dell’apprendimento;
  • Abuso di sostanze stupefacenti.

TERAPIA: Il trattamento migliore per il bambino è parlare con un professionista della salute mentale in una terapia familiare e individuale. I genitori devono inoltre imparare a gestire il comportamento del bambino. I farmaci possono anche essere utili, soprattutto se i comportamenti si verificano come parte di un altro stato (come la depressione, psicosi infantile, o ADHD).

PROGNOSI: Alcuni bambini rispondono bene al trattamento, mentre altri non lo fanno. Possibili complicazioni possono essere, in molti casi, crescere fino ad avere disturbi del comportamento da adolescenti o adulti. In alcuni casi i bambini, quando crescono, mostrano un disturbo antisociale di personalità.

Contattare un medico se siete preoccupati dello sviluppo del vostro bambino o del suo comportamento.

PREVENZIONE: Siate coerenti sulle regole e le punizioni. Non assegnare punizioni troppo dure o ingiuste. Insegnate i comportamenti giusti al bambino. Abusi e abbandono aumentano le possibilità che questa condizione si verifichi.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>