Ganglioneuroblastoma

di Marco Mancini 1

Ganglioneuroblastoma

Il ganglioneuroblastoma è un tumore intermedio derivante dal tessuto nervoso. Un tumore intermedio è a metà tra benigno (a crescita lenta ed è improbabile che si diffonda) e maligno (in rapida crescita, aggressivo, e probabile che si diffonda).

CAUSE: Questo tumore raro capita in meno di un bambino su 200 mila. I tumori del sistema nervoso variano nel loro grado di differenziazione. Questo determina come i tumori appaiono al microscopio e anche se possono diffondersi. Un ganglioneuroma è un tumore benigno, mentre un neuroblastoma (che si verifica nei bambini con più di un anno di vita) è generalmente maligno. Un ganglioneuroblastoma può essere localizzato in una sola area o può essere diffuso, ma di solito è meno aggressivo di un neuroblastoma. La causa è sconosciuta.

SINTOMI: Più comunemente, una massa può essere sentita nell’addome, ma questa condizione può verificarsi anche in altre parti del corpo.

DIAGNOSI: L’aspirazione del midollo osseo, la scintigrafia ossea e la biopsia possono essere necessarie. Altri esami possono essere:

  • TAC o Risonanza Magnetica Nucleare della zona interessata;
  • Scansione MIBG;
  • Analisi del sangue e delle urine;
  • Biopsia chirurgica per confermare la diagnosi.

TERAPIA: Poiché questi tumori sono rari, dovrebbero essere trattati in un centro specializzato da esperti che li hanno già curati. A seconda della natura specifica del tumore, il trattamento può essere costituito da interventi chirurgici, e forse chemioterapia e radiazioni.

PROGNOSI: La prognosi dipende dall’estensione del tumore e se alcune aree del tumore non contengono le cellule più aggressive del neuroblastoma. Possibili complicazioni possono essere l’invasione del tumore nelle aree circostanti e le complicanze della chirurgia, radioterapia o chemioterapia.

Contattare un medico professionista se si sente una massa o una crescita sul corpo del bambino. Assicurarsi che i bambini ricevano esami di routine durante tutto il periodo dell’infanzia.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>