Lipofuscinosi ceroide neuronale

di Marco Mancini Commenta

Lipofuscinosi ceroide neuronale

La lipofuscinosi ceroide neuronale si riferisce ad un gruppo di malattie rare ereditarie delle cellule nervose. Ne esistono tre tipi:

  • Adulta (malattia di Kufs o Parry);
  • Giovanile (malattia di Batten);
  • Tardo infantile (malattia di Jansky-Bielschowsky).

CAUSE: La lipofuscinosi ceroide neuronale è un tipo di malattia neurodegenerativa. Essa comporta l’accumulo di un materiale anomalo, chiamato lipofuscina, nel cervello. Studi suggeriscono che è causata da problemi con la capacità del cervello di rimuovere e riciclare le proteine.

Le lipofuscinosi sono ereditate come caratteri autosomici recessivi. Ciò significa che se entrambi i genitori portano il tratto, ogni bambino ha:

  • il 25% di probabilità di avere la malattia;
  • il 50% di probabilità di non avere la malattia, ma portandone il tratto;
  • il 25% di probabilità di non avere la malattia e non essere un vettore.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Anomalo aumento del tono muscolare o spasmi muscolari (mioclono);
  • Cecità o problemi di vista;
  • Demenza;
  • Mancanza di coordinazione muscolare;
  • Ritardo mentale con la diminuzione della funzione mentale;
  • Movimenti anomali (coreoatetosi);
  • Epilessia;
  • Andatura instabile (atassia).

DIAGNOSI: Il disturbo può essere visto alla nascita, ma di solito è diagnosticato molto più tardi. I test includono:

  • Autofluorescenza;
  • Elettroencefalogramma;
  • Microscopia elettronica di una biopsia della pelle;
  • Elettroretinogramma;
  • Test genetici;
  • Risonanza Magnetica o TAC del cervello;
  • Tessuto bioptico.

TERAPIA: Il trattamento dipende dal tipo e dall’entità dei sintomi. Potrebbe esserci bisogno di assistenza continua e cure.

PROGNOSI: Prima compare la malattia, maggiore è il rischio di disabilità e morte precoce. Coloro che sviluppano la malattia precoce possono avere problemi di vista che progrediscono fino alla cecità, e problemi con la funzione mentale che peggiorano. Se la malattia emerge nel primo anno di vita, la morte entro 10 anni è probabile. Se la malattia si manifesta in età adulta i sintomi saranno più miti, senza perdita di vista e una speranza di vita normale. Possibili complicazioni possono essere:

  • Insufficienza visiva o cecità (con esordio precoce della malattia);
  • Insufficienza mentale, che va dal grave ritardo alla nascita alla demenza nel corso della vita;
  • Muscoli rigidi (a causa di gravi problemi con i nervi ed il controllo del tono muscolare).

La persona può diventare totalmente dipendente dagli altri per qualsiasi attività.

Contattare un medico se il bambino mostra sintomi di cecità o di ritardo.

PREVENZIONE: La consulenza genetica è consigliata se la famiglia ha una storia conosciuta della malattia. Test genetici prenatali o preimpianto potrebbero essere disponibili a seconda del tipo specifico di malattia.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>