Malattia da siero

di Marco Mancini 1

Malattia da siero

La malattia da siero è una reazione simile ad un’allergia. In particolare, è una reazione del sistema immunitario a determinati farmaci, proteine iniettate usate per curare le condizioni immunitarie, o un antisiero, la parte liquida del sangue che contiene anticorpi che aiutano a proteggere contro le sostanze infettive e velenose.

CAUSE: Il plasma si trova nel sangue, non contiene cellule ma molte proteine, tra cui gli anticorpi che si formano come parte della risposta immunitaria per proteggere contro l’infezione. L’antisiero è prodotto dal plasma di una persona o animale che gode di immunità nei confronti di una particolare infezione o una sostanza velenosa. L’antisiero può essere utilizzato per proteggere una persona che è stata esposta ad un microrganismo potenzialmente pericoloso contro il quale la persona non è stata vaccinata. Per esempio, si può ricevere un certo tipo di iniezione di antisiero se si viene esposti al tetano o alla rabbia. Questa si chiama immunizzazione passiva. Essa dà immediata, ma temporanea, protezione mentre il corpo sviluppa una risposta immunitaria attiva contro la tossina o microrganismo.

Durante la malattia da siero, il sistema immunitario identifica falsamente una proteina nell’antisiero come una sostanza potenzialmente dannosa (antigene). Il risultato è una risposta errata del sistema immunitario che attacca l’antisiero. Gli elementi del sistema immunitario e dell’antisiero si combinano per formare complessi immuni, che causano l’infiammazione e altri sintomi. Alcuni farmaci (come la penicillina, Cefaclor, e sulfamidici) possono causare una reazione simile. A differenza delle altre allergie ai farmaci, che si verificano appena dopo aver ricevuto il nuovo farmaco, la malattia da siero si sviluppa 7-21 giorni dopo la prima esposizione ad un farmaco. Le proteine iniettate come la globulina antitimocita (usate per curare il rigetto dei trapianti d’organo) e rituximab (usato per curare malattie immunitarie e tumori) causano reazioni da malattia da siero. Altri prodotti sanguigni possono anche causare la malattia da siero.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Febbre;
  • Generale sensazione di malessere;
  • Orticaria;
  • Prurito;
  • Dolori;
  • Sfoghi cutanei;
  • Gonfiore ai linfonodi.

I sintomi di solito non si sviluppano fino a 7-21 giorni dopo la prima dose di antisiero o l’esposizione al farmaco. Tuttavia, alcune persone possono sviluppare sintomi in 1-3 giorni, se sono stati precedentemente esposti alla sostanza.

DIAGNOSI: I linfonodi possono essere gonfi e molli al tatto. L’urina può contenere sangue o proteine. Gli esami del sangue possono mostrare complessi immuni o segni di infiammazione dei vasi sanguigni.

TERAPIA: Creme, pomate di corticosteroidi o altri farmaci lenitivi della pelle possono alleviare il disagio da prurito e gli sfoghi. Gli antistaminici possono ridurre la durata della malattia e contribuire ad alleviare i sintomi. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come ibuprofene o naprossene, possono alleviare i dolori articolari. I corticosteroidi per via orale (come il prednisone) possono essere prescritti per casi gravi. I farmaci che sono la causa del problema devono essere interrotti, e l’utilizzo futuro del farmaco o antisiero deve essere evitato.

PROGNOSI: I sintomi di solito vanno via in pochi giorni. Se il farmaco o antisiero che ha causato la malattia da siero viene utilizzato anche in futuro, il rischio di avere un’altra reazione simile è piuttosto elevato. Le complicazioni includono:

  • Shock anafilattico immediato, pericoloso per la vita;
  • Infiammazione dei vasi sanguigni;
  • Gonfiore della faccia, braccia e gambe.

Contattare un medico se un farmaco o antisiero è stato dato nelle ultime 4 settimane e i sintomi della malattia da siero appaiono.

PREVENZIONE: Non vi è alcun modo conosciuto per prevenire lo sviluppo della malattia da siero. Le persone che hanno sperimentato la malattia, shock anafilattico, o allergia ai farmaci devono evitare l’uso futuro dell’antisiero o del farmaco a cui sono allergici.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>