Polidattilia

di Marco Mancini 1

Polidattilia

Alcuni bambini nascono con dita aggiuntive sulle loro mani o piedi, le quali possono essere completamente formate e sembrare come le altre (in questo caso di solito sono sorprendentemente poco appariscenti), o possono essere più di tozze e poco carnose. Questa è la polidattilia.

CAUSE: La polidattilia colpisce circa un bambino ogni 2.000 e può essere ereditaria (se entrambi i genitori ne sono affetti, c’è il 50% di possibilità che i loro figli siano interessati). Ma può anche accadere senza un precedente in famiglia. Se il bambino non ha altri problemi, allora non c’è alcun rischio per lo sviluppo fisico e mentale del bambino, e provoca pochi problemi, soprattutto durante l’infanzia. Molto raramente la polidattilia è parte di una condizione ereditaria come la sindrome di Laurence-Moon-Bardet-Biedl (una malattia rara e complicata).

TERAPIA: Quando il bambino diventa adolescente, può essere preoccupato perché ha qualcosa di diverso nell’aspetto fisico rispetto a tutti i suoi amici, e questo può diventare un problema. Una consulenza psicologica può essere di aiuto per accettare la condizione e migliorare l’atteggiamento di sostegno anche da parte dei genitori. C’è però la possibilità di ricorrere alla chirurgia per risolvere il problema. Questa di solito è necessaria quando un dito in più causa problemi ad esempio nell’infilare le scarpe, e rimuovere il dito extra può essere la soluzione migliore.

[Fonte: BBC]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>