Sindrome di Budd-Chiari

di Marco Mancini 1

Sindrome di Budd-Chiari

La sindrome di Budd-Chiari, o ostruzione della vena epatica di Budd-Chiari, è un’ostruzione della vena epatica, che trasporta il sangue dal fegato.

CAUSE: L’ostruzione venosa epatica impedisce al sangue di fluire fuori del fegato e tornare al cuore. Questo blocco può causare danni al fegato. La sindrome può essere causata da un nodulo (tumore) che preme sulla vena, o da un coagulo (trombo) in essa.

Il più delle volte, è causata da condizioni che aumentano la possibilità che si formino coaguli di sangue come:

  • Diffusione anomala di cellule dal midollo osseo (malattie mieloproliferative);
  • Tumori;
  • Malattie croniche infiammatorie o autoimmuni;
  • Infezioni;
  • Problemi di coagulazione del sangue ereditati o acquisiti;
  • Contraccettivi orali e gravidanza.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Dolore sul lato destro dell’addome;
  • Vomito con sangue;
  • Ingiallimento della pelle (ittero).

DIAGNOSI: Uno dei segni è il gonfiore del ventre dovuto all’accumulo di liquidi (ascite). I test includono:

  • TAC o risonanza magnetica dell’addome;
  • Biopsia epatica;
  • Test di funzionalità epatica;
  • Ecografia del fegato.

TERAPIA: Il trattamento varia, a seconda della causa del blocco. I trattamenti medici sono:

  • Farmaci per fluidificare il sangue (anticoagulanti);
  • Terapia trombolitica;
  • Farmaci per il trattamento della malattia del fegato, tra cui l’ascite.

Trattamenti chirurgici:

  • Angioplastica e posizionamento di stent;
  • Shunt transgiugulare portosistemico intraepatico;
  • Altri interventi chirurgici.

Una possibile complicazione dell’ostruzione venosa epatica è un aggravamento che può portare ad insufficienza epatica, una condizione che può essere pericolosa per la vita. Contattare un medico se:

  • Ci sono sintomi di ostruzione della vena epatica;
  • Siete in trattamento per questa condizione e si sviluppano nuovi sintomi.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.