Sclerosi multipla, ancora difficoltà di accesso alle cure

di Valentina Cervelli 2

Passano i mesi, ma purtroppo non cambiano i dati relativi all’accesso alle cure da parte dei malati di sclerosi multipla in Italia. Parliamo di circa 61mila persone malate, solitamente comprese tra i 20 ed i 40 anni che nonostante le scoperte scientifiche ed il fervore della ricerca si trovano a combattere non solo con la malattia ma con la scarsa accessibilità a terapie all’avanguardia. Un disastro se si stima che una nuova diagnosi di questa patologia avvenga ogni quattro ore.

Come accennavamo, rispetto a molti anni fa la terapia contro la sclerosi multipla ha fatto passi da gigante consentendo una vita pressoché normale. Il problema è che non tutti i pazienti trovano garantito il loro diritto alla cura, con il risultato che la malattia progredisce velocemente e la loro qualità della vita decade in maniera sostanziale.

Se ne è parlato recentemente ad un convegno tenutosi nella capitale, “Accesso sostenibile all’innovazione: un confronto sulla sclerosi multipla” nel quale si è tentato di mettere il punto. E la situazione purtroppo non è delle migliori. Commenta il dott. Carlo Pozzulli, professore di Neurologia alla Sapienza di Roma e responsabile del Centro Sclerosi Multipla all’Ospedale S. Andrea:

La sclerosi multipla rappresenta una delle principali cause di disabilità neurologica tra i giovani di 20-30 anni, seconda per importanza solo agli incidenti stradali. Proprio perché colpisce nella fascia d’età maggiormente produttiva, è fondamentale rendere la persona autonoma il più a lungo possibile. Oggi possiamo intervenire quando la persona sta ancora bene, grazie ai notevoli progressi in ambito terapeutico degli ultimi anni, soprattutto per l’avvento di farmaci immuno-modulanti: hanno permesso non solo di rallentare il decorso della malattia ma in alcuni casi anche di arrestarlo.

Il problema è che spostandosi di regione in regione, l’accesso a questi medicinali non è garantito, portando le persone effettivamente curate in modo adeguato ad appena il 9% del totale. Un dato che non è cambiato rispetto allo scorso anno. La regione meno virtuosa? La Campania, con appena il 4,7% dei pazienti curati con farmaci di ultima generazione.

Articoli Correlati:

Sclerosi multipla, italiana scopre funzionamento mielina

Sclerosi multipla e CCSVI, nuove speranze e possibilità di cura

Fonte: Corriere della Sera

Commenti (2)

  1. mhhh ecco perche la cura zamboni non piace tanto, ce il mercato dei farmaci innovativi da piazzare, sicuramente costano pochissimo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>