Obesità infantile: la “frutta nelle scuole” funziona

di Cinzia Iannaccio 0

L’obesità infantile si combatte con la “Frutta nelle Scuole”. Si tratta di un’iniziativa che prevede la distribuzione su tutto il territorio italiano di frutta fresca, locale e di stagione, nelle scuole elementari che ne hanno fatto preventivamente richiesta. E’ partita l’adesione per il prossimo anno scolastico che prevede un investimento di 18 milioni di Euro. A realizzare il tutto, il Ministero delle Politiche agricole, insieme a quello per la Salute e la Coldiretti, grazie anche all’ausilio di fondi della Comunità Europea. Attualmente l’iniziativa vede la consegna in date prestabilite di frutti da distribuire alle scolaresche: ne stanno beneficiando circa 1.340.000 bambini di 8.400 scuole dal Nord al Sud d’Italia.

Insieme i bambini potranno scoprire nuovi sapori, capire l’origine del cibo in questione magari appassionarsi al gusto naturale, mettendo da parte le, merendine nello spuntino di mezza mattina. La finalità è ovviamente quella di combattere l’obesità dal suo nascere, ovvero in età pediatrica, educando al contempo ad una alimentazione sana. Pensate che secondo l’ultimo rapporto di “Okkio alla Salute” i bambini in sovrappeso risultano essere più di un milione e quelli obesi circa 400.000. Ma i bambini come vivono questa iniziativa? Nelle scuola dei miei figli, devo dire che c’è un risultato discreto. Dopo un primo momento di diffidenza, si sono “lasciati andare” all’assaggio! Mi hanno raccontato di un bambino che non aveva mai assaporato una prugna: l’aspetto chissà perché non lo convinceva. Poi ha ceduto ed ora ne è diventato ghiotto. Certo è un caso estremo, ma intanto alcuni ragazzini hanno iniziato a scegliere una mela o una banana da sostituire alla merendina, una volta ogni tanto: la varietà è importante nell’educazione alimentare. Quindi non posso che dire che la “frutta nelle scuole” funziona! Nel vostro Istituto non c’è questa iniziativa? Parlatene con le insegnanti. Le indicazioni per la presentazione della domanda per il prossimo anno sono sul sito dedicato, dove trovate anche tanti giochi educativi da fare coi bambini.

Articoli correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>