Anticorpi anti tireoglobulina alti e TPO normali, che significa?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
“Salve, cosa significa avere gli anticorpi anti TG alti, elevatissimi e gli anticorpi anti TPO normali? Questi i valori che ho: anti TG: 2670 (range 0-10) anti TPO : 1 (range 0-1,2) Domani effettuerò il dosaggio degli ormoni, ma sono spaventatissima da quel valore così alto. Grazie.”

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema anticorpi anti TG

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo.

Per contatti diretti email: [email protected] cell. 3458092414.

“Salve, avere anticorpi antitireoglobuline indica che c’è una tiroidite autoimmunitaria in atto; cioè noi produciamo anticorpi contro gli agenti esterni(virus batteri ecc); per motivi ancora non chiari( genetici e ambientali) alcune volte capita che questi anticorpi attaccano una parte del nostro corpo in questo caso la tiroide e la infiammano in maniera cronica. Ciò in una prima fase può comportare nessun sintomi nè segno, con valori tiroidei nella norma mentre all’eco la ghiandola appare infiammata con o senza piccoli noduli di nessun significato patologico. A volte invece si manifesta con una fase di ipertiroidismo transitorio accompagnato poi da anni di normale funzionamento della ghiandola che poi lentamente va incontro a distruzione e quindi ad incapacità di produrre ormini a sufficienza con necessità di assumere ormoni sostitutivi a vita (eutirox o simili).

A volte si manifesta con ipertiroidismo che rimane tale  e richiede trattamento con antitiroidei (TApazole) che possono guarire la malattia dopo un ciclo di 1-2 anni o invece la malattia può manifestarsi di nuovo anche dopo terapia e quindi richiedere un intervento con iodio radiattivo che distrugge la tiroide e determina un ipotiroidismo iatrogeno che impone l’uso a vita di ormoni sostitutivi. Il fatto positivo è che lei ha gli anti TPo nella norma; cià indica che la patologia infiammatoria non è molto aggressiva e che quindi l’evoluzione sarà lenta e di non particolare gravità. Faccia tutti gli accertamenti del caso e si rivolga ad un endocrinologo per la gestione della situazione. Cordiali saluti”.

Per altri quesiti potete visitare la nostra pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

 

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>