Stanchezza, tristezza, abbuffate: sintomi ipotiroidismo?

di Cinzia Iannaccio Commenta

La stanchezza ed il basso tono dell’umore, la tristezza sono sintomi dell’ipotiroidismo ben noti, ma anche le abbuffate compulsive? Ne parliamo con l’endocrinologo dottor Mario Francesco Iasevoli, nel consulto online odierno.

Richiesta di Consulto Medico

“Gentilissimo dottore, sono una donna di 33 anni. Da qualche anno lamento una continua stanchezza che oramai si è cronicizzata, astenia persistente, periodi di insonnia,e debilitante tristezza direi quasi parte integrante del mio basso umore. Per infarcire ulteriormente la situazione,si aggiungono periodi di continue abbuffate alimentari. Ho fatto 4 anni di psicoterapia, pensando che tutto questo fosse causa psicologica,qualche risultato l’ho ottenuto, ma nonostante tutto i sintomi sopra descritti mi accompagnano sempre e comunque. Ponendo attenzione al mio corpo, e a quello che vivo quotidianamente, ho la sensazione che ci sia una causa organica, che però il mio medico curante continua a escludere. Le chiedo quindi, è possibile che questi sintomi siano causati da ipotiroidismo (mia madre e mia zia ne sono affette), anche se gli esami clinici(ft3,ft4,tsh) non lo dimostrano? E inoltre vorrei sapere se le abbuffate di cibo possono essere segnale di qualcosa che non va nel funzionamento della tiroide. La ringrazio per l’attenzione, cordiali saluti”.

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche

Tipo di Problema ipotiroidismo e abbuffate

Risponde il dottor Mario Francesco Iasevoli specialista in endocrinologia e malattie del metabolismo presso l’Unità Operativa Complessa Endocrinologia-Azienda Ospedaliera Universitaria II Policlinico-Sun di Napoli:

“Salve, i sintomi da lei descritti se non supportati da valori anomali della funzionalità tiroidea non possono essere ascritti a patologie della ghiandola. La sua tiroide funziona bene. Anche le abbuffate non possono essere causate da un ipotiroidismo. quindi i sintomi che lei descrive, escluse altre cause internistiche, devono essere ascritti ad uno stato depressivo a cui si associa un big eating disorder. Deve insistere con la psicoterapia e consultare uno psichiatra per valutare la necessità di un trattamento farmacologico. Spero sia stato utile e chiaro, cordiali saluti [email protected] cell. 3458092414.”

 

Per fare altri consulti online potete consultare la lista degli specialisti e riempire il modulo al seguente link:  “Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>