Struma, sintomi e significato

di Ma.Ma. Commenta

Il gozzo della tiroide, altresì chiamato struma, è una patologia tra le più frequenti legate a una alterazione di questa importante ghiandola. Consiste in un aumento di volume della tiroide che può essere di tipo diffuso (gozzo diffuso) o nodulare (gozzo uninodulare o multinodulare). Quali sono i sintomi dello struma tiroideo? E qual è il significato di questo termine?

Significato di struma

Struma deriva dal latino strūma, ovvero tumore. Ma prima di allarmarsi occorre capire che con questo termine si intende ogni aumento di volume della ghiandola non dovuto ad infiammazioni (tiroiditi) o a neoplasie e non accompagnato da quadri clinici di disfunzione ghiandolare. L’aumento di volume della tiroide può essere uniforme e coinvolgere tutta la ghiandola (come il gozzo colloide degli adolescenti), oppure asimmetrico, con ipertrofia ed iperplasia circoscritte ad uno o più noduli. La situazione va ovviamente analizzata con un esperto endocrinologo in grado di monitorare lo stato di salue della tiroide. Nei pazienti affetti da struma, la tiroide produce ormoni in minor quantità. Le cause di questa disfunzione sono per più disparate. Può dipendere da una carenza alimentare di iodio, da familiarità, dall’allattamento oppure da una diesta poco bilanciata. In un quadro così delicato, l’ipofisi aumenta la produzione del proprio ormone (TSH) il quale, stimolando  a sua volta la ghiandla tiroidea, la “obbliga” a produrre i suoi ormoni in quantità normale, causandone un aumento di volume.

Sintomi struma tiroideo

Quando si soffre di questo disturbo si accusano sintomi ben precisi che però molto spesso vengoo erroneamente sottovalutati, almeno nella loro fase iniziale. Il sintomo più evidente e di più facile individuazione è un evidente gonfiore nella zona del collo. A questo si associano altri sintomi: difficoltà a respirare causata alla compressione esercitata dalla ghiandola ingrandita sugli organi limitrofi, difficoltà a deglutire. Se si rilevano uno o più di questi sintomi è assolutamente necessario farsi vedere da un endocrinologo.

Ti potrebbe interessare anche:

TIROIDE, 5 FALSI MITI

TIROIDITE HASHIMOTO E NODULO ALLA TIROIDE

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>