Riabilitazione, è più utile in acqua

di Tippi Commenta

Per ritornare in sesto dopo fratture e periodi di convalescenza in seguito ad interventi chirurgici, la riabilitazione in acqua è particolarmente efficace grazie alla riduzione del peso dovuta al galleggiamento.

La fisioterapia in acqua, infatti, è una risorsa eccezionale, in grado di accorciare i tempi di recupero. Il galleggiamento, riduce notevolmente il peso del paziente, permettendo, ad esempio, a chi sono state prescritte le stampelle per non pesare sull’arto operato o infortunato, di deambulare senza avvertire dolore o affaticamento. La resistenza dell’acqua, invece, attiva la muscolatura in tutte le direzioni, mentre la pressione, che aumenta con la profondità, favorisce una spremitura delicata della parti colpite, favorendo il ritorno venoso dalle gambe al cuore.

Riabilitazione in acqua dopo una frattura

Dopo un un intervento o una frattura, prima di fare fisioterapia in acqua, occorre aspettare circa 20 giorni, che corrisponde al tempo necessario per la rimarginazione della ferita e per la successiva rimozione dei punti di sutura. Se il medico ha concesso al paziente la deambulazione con le stampelle, in acqua è possibile camminare senza, dapprima dove si tocca appena il fondo, poi nelle settimane che seguono, qualora il decorso postoperatorio sia regolare, sui fondali via via più bassi.

Riabilitazione in acqua dopo periodi di convalescenza

La riabilitazione in acqua, può essere efficace anche dopo lunghi periodi di convalescenza dovuti a interventi particolarmente delicati, che costringono a restare fermi senza avere la possibilità di usare le stampelle. In posizione orizzontale, infatti, dove l’acqua è molto bassa, si possono compiere movimenti di flessione ed estensione del ginocchio e della caviglia o movimenti circolari con l’anca. In posizione verticale, inoltre, per favorire il drenaggio dei liquidi negli arti inferiori, è possibile sfruttare la differenza di pressione tra la parte immersa e quella emersa del corpo che, esercita una delicata spremitura su vene affaticate e gonfiori.

Articoli correlati:

Ictus, nuove tecniche di riabilitazione
I benefici delle cure termali
Con un pò di magia la riabilitazione diventa un gioco da ragazzi