Atrofia del nervo ottico

di Marco Mancini 9

Atrofia del nervo ottico

L’atrofia del nervo ottico è la morte dei tessuti del nervo che porta le informazioni riguardanti la vista dall’occhio al cervello.

CAUSE: Ci sono molte cause non correlate di atrofia ottica. La causa più comune è il flusso di sangue scarso, chiamato neuropatia ottica ischemica, che più spesso colpisce gli anziani. Il nervo ottico può essere danneggiato da urti, diverse sostanze tossiche, radiazioni e traumi. Diverse malattie degli occhi, più comunemente il glaucoma, possono anche causare l’atrofia del nervo ottico. Inoltre, la condizione può essere causata da malattie del cervello e del sistema nervoso centrale, come l’arterite cranica (a volte chiamata arterite temporale), sclerosi multipla, tumore al cervello e ictus. Ci sono anche diverse rare forme ereditarie di atrofia del nervo ottico che colpiscono bambini e giovani adulti.

SINTOMI: L’atrofia del nervo ottico provoca oscuramento della vista e riduzione del campo visivo. La capacità di vedere i dettagli viene persa. La reazione della pupilla alla luce diminuirà e potrebbe essere completamente persa.

DIAGNOSI: L’atrofia del nervo ottico può essere facilmente rilevata con un esame completo degli occhi. La ricerca della causa può richiedere un esame fisico completo e test specifici.

TERAPIA: Una volta verificato, il danno da atrofia del nervo ottico non può essere invertito. La malattia di base deve essere trovata e curata, se possibile, per evitare ulteriori perdite.

PROGNOSI: La vista persa con l’atrofia del nervo ottico non può essere recuperata. Se la causa può essere identificata e controllata, ulteriori perdite visive che progrediscono verso la cecità possono essere evitate.

Possibili complicazioni saranno correlate alla malattia che provoca l’atrofia. Contattare un medico in caso di qualsiasi cambiamento nella vista.

PREVENZIONE: Molte cause di atrofia del nervo ottico non possono essere evitate. Le ferite al volto possono essere prevenute con misure di sicurezza standard. La maggior parte delle tali lesioni sono legate ad incidenti stradali e possono essere prevenute con l’uso della cintura di sicurezza.

Il metanolo è la tossina più comune che causa atrofia del nervo ottico. Si può trovare nell’alcool domestico fermentato.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.


  • ernesto

    Salve, sono Ernesto ho 24 anni; all’età di 14 anni ebbì un incidente grave che mi riportò vari danni che ora ho risolto più o meno; però sono non vedente da un occhio (sinistro) ho il nervo ottico atroffizato, sono in cura da un bravissimo e noto oculista di Siena (ricercatore- chirurgo); mi ha detto che operazione non esiste purtroppo, spero che un giorno o l’altro potrò riaquistare la vista dalla parte sinistra.. chi desidera darmi notizie relative a ciò mi contatti via mail xxxxxxxxx Grazie. saluti

    • Cinzia Iannaccio

      Ciao, Ernesto, perdonami, ma ho dovuto cancellare la tua mail. Sono Cinzia, la BM di medicinalive. In genre il ns sistema per la tutela della sicurezza di tutti i lettori blocca i commenti contenenti mail o numeri di telefono. Quando questo non avviene, siamo tenuti a tali modifiche (laddove ce ne accorgiamo). Pensa ad esempio a chi mette il recapito di una persona sconosciuta o chi ti può contattare promettendo cure miracolose…..Le info le puoi ricevere anche su questa pagina. Non avercela con me per favore. 😉
      Cin

    • @ernesto:

      Salve signor Ernesto, sono Alberto, le scrivo perchè ho un famigliare con un grave problema al nervo ottico e sono disperato, ho letto che lei è in cura da un esperto di Siena, gentilmente vorrei altre informazioni riguardante questo esperto, il centro specializzato ecc ecc…. se fosse così gentile da contattarmi al mio indirizzo e mail ne sarei veramente felice! grazie per la sua disponibilità.

      [email protected]

    • @Cinzia Iannaccio:

      Salve signora Cinzia, le scrivo in quanto volevo avere gentilmente un recapito (sempre se lei ne era in possesso) del signor Ernesto che lei aveva cancellato il suo messaggio. Mi serve per avere informazioni riguardanti il centro dov’è adesso in cura, ho provato a scrivergli ma non mi risponde, LE SAREI VERAMENTE GRATO SE MI RIUSCISSE A METTERE IN CONTATTO CON LUI, è VERAMENTE IMPORTANTE PER ME E PER LA MIA RAGAZZA CHE è CIECA. INOLTRE SE LEI POTESSE INDIRIZZARMI VERSO QUALCCHE NOME DI CENTRI SPECIALIZZATI PER PROBLEMI DI NERVO OTTICO QUI IN ITALIA OPPURE ALL’ESTERO VE NE SAREI VERAMENTE GRATO CON TUTTO IL CUORE. GRAZIE!
      [email protected]

    • Cinzia Iannaccio

      @Alberto:
      Mi spiace alberto, ma non ho quel recapito. Per la sua pryvacy dovrei fare altrettanto, cancellare, ma comprendo la sua preoccupazione e lo lascio. Mi faccia però una promessa non si affidi a chi le scive via mail suggerendole cure miracolose…non sa mai chi c’è dall’altra parte. A siena so che c’è un buon centro oculistico al Policlinico,
      a questo link trova maggiori info ed anche altri centri specializzati nel resto d’Italia.
      http://www.qsalute.it/oculistica-policlinico-siena/
      Tenga prsente anche la Fondazione banca degli occhi
      http://www.fbov.org/it_index_chi_siamo_la_storia-41.html
      o la fondazione Bietti del Professor Stirpe a Roma
      http://www.fondazionebietti.it/it/attivita_clinica

      Sono due degli esempi di centri ad altra specializzazione di cui ho notizia, ma di sicuro ve ne sono altri. Sperodi esserle stata utile.

    • Alberto

      grazie mille!

  • cr ottica palermo

    Salve Sig.ra Cinzia,

    colgo l’occasione per farvi i complimenti in primis per quest’articolo del mio settore ma in generale per tutti il sito.

    Complimenti.

  • Buona sera mia chiamo M. Grazia ho 53 anni sono Sassarese Sardegna da circa quattro anni sono in terapia per ansia depressiva, da tre anni finalmente hanno stabilito che buona parte dei miei malesseri, sbandamenti, cadute, emicrania, perdita della memoria difficoltà nel linguaggio e nello scrivere; era dovuta all’atrofia celebrale globale a sinistra in progressione, finalmente per modo di dire perché non esiste ancora terapia per bloccare la patologia.Ma da diversi anni mi curano per la blefarite cronica e i dolori acuti che ho sempre agli occhi e difficoltà nel mettere a fuoco l’immagine, l’oculista li addebitava al fatto che quando mi visitava avevo sempre l’infiammazione. Il mese scorso dopo una visita accurata compresa la pressione mi ha richiesto un campo visivo che io non avevo mai fatto, ora l’ho fatto e portato subito al mio oculista perché in clinica stesso mi hanno fatto notare che il nervo ottico a sinistra è molto danneggiato e si sta danneggiando anche il destro tutto ciò è dovuto dall’atrofia celebrale?

    • Cinzia Iannaccio

      @maria grazia soggia:
      Salve maria grazia, mi scuso x il ritardo, ma non so perché questo suo messaggio lo vedo solo ora. Speroche nel frattempo abbia risolto. Noi cmq non siamo medici quindi comunque non avremmo saputo come consigliarla.