Anemia aplastica secondaria

di Marco Mancini Commenta

Anemia aplastica secondaria

L’anemia aplastica secondaria si ottiene quando il midollo osseo non produce più le cellule del sangue a sufficienza. Tutti i tipi di cellule sono interessate.

CAUSE: L’anemia aplastica secondaria è causata da lesioni alle cellule staminali del sangue. Le cellule staminali del sangue normali si dividono e si trasformano in tutti i tipi di cellule del sangue, soprattutto i globuli bianchi, rossi e piastrine. Quando queste staminali sono colpite, vi è una riduzione di tutti i tipi di cellule del sangue. Questa condizione può essere causata da:

  • Alcuni farmaci;
  • Chemioterapia;
  • Disturbi presenti alla nascita (malattie congenite);
  • Terapia farmacologica per sopprimere il sistema immunitario;
  • Gravidanza;
  • Radioterapia;
  • Tossine come il benzene o l’arsenico.

Quando la causa è sconosciuta, si parla di anemia aplastica idiopatica. In circa la metà di tutti i casi, nessuna causa può essere trovata. La malattia può essere acuta o cronica.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Sanguinamento delle gengive;
  • Lividi facili;
  • Fatica;
  • Frequenti o gravi infezioni;
  • Sangue dal naso;
  • Rapida frequenza cardiaca;
  • Rash;
  • Mancanza di respiro durante l’attività fisica;
  • Debolezza.

DIAGNOSI: I segni comprendono:

  • Emorragia degli organi interni;
  • Bassa conta piastrinica (trombocitopenia);
  • Basso numero di globuli rossi (anemia);
  • Basso numero di globuli bianchi (leucopenia).

I test possono includere:

  • Biopsia del midollo osseo;
  • Esame emocromocitometrico completo (CBC);
  • Conta dei reticolociti.

TERAPIA: E’ fondamentale capire se l’anemia aplastica secondaria è causata da un farmaco o da altri problemi. In alcuni casi, eliminare la causa può portare alla guarigione. I casi lievi di anemia aplastica possono essere curati con la terapia di supporto, o possono anche non necessitare di alcun trattamento. Trasfusioni di sangue e piastrine aiuteranno correggere la conta ematica anormale ed alleviare alcuni sintomi nei casi moderati.

L’anemia aplastica grave, che causa un numero molto basso di cellule del sangue, è una condizione pericolosa per la vita. I pazienti più giovani con un caso grave della malattia avranno bisogno di un trapianto di midollo osseo, se un donatore compatibile viene trovato. I pazienti più anziani, o coloro che non hanno un donatore del midollo osseo, possono essere curati con farmaci che deprimono il sistema immunitario. Questi farmaci comprendono globulina anti-timociti (ATG), tacrolimus o ciclosporina.

L’ATG è costituita da anticorpi di cavalli e conigli nei confronti di un tipo di globuli bianchi negli esseri umani chiamati cellule T. È usata per sopprimere il sistema immunitario del corpo. L’ATG consente al midollo osseo di iniziare a generare le cellule del sangue nuovo, perché molte cause di anemia aplastica si pensa siano dovute proprio ai linfociti T che del proprio corpo che attaccano le cellule staminali.

Altri farmaci per sopprimere il sistema immunitario, come la ciclosporina, tacrolimus, e ciclofosfamide (Cytoxan), corticosteroidi e gli androgeni possono essere utilizzati.

PROGNOSI: La condizione di solito va peggiorando a meno che la causa non venga rimossa o la malattia venga curata. Se non curata, l’anemia aplastica grave di solito peggiora portando infine alla morte. Lievi e moderate forme di questa malattia possono essere più lente. Il trapianto di midollo osseo ha avuto successo nei pazienti giovani. Ha un tasso di sopravvivenza a lungo termine di circa l’80%. I pazienti più anziani hanno un tasso di sopravvivenza del 40 – 70% dopo un trapianto. Possibili complicazioni possono essere:

  • Sanguinamento nel cervello;
  • Morte causata da emorragie, infezioni o altre complicazioni di un trapianto di midollo osseo, il rigetto di un trapianto del midollo osseo, o gravi reazioni all’ATG;
  • Infezione.

Contattare un medico se:

  • Compaiono i segni dell’infezione, come la febbre;
  • Si sanguina senza motivo;
  • Ci si sente molto stanchi o a corto di fiato con l’attività fisica.

PREVENZIONE: L’anemia aplastica secondaria può essere una conseguenza inevitabile di trattamenti come la chemioterapia. Evitare le tossine come il benzene e l’arsenico, se possibile.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>