Ipermetropia

di Marco Mancini 1

Ipermetropia

L’ipermetropia è una maggiore difficoltà a vedere sia gli oggetti vicini che gli oggetti lontani.

CAUSE: L’ipermetropia è il risultato dell’immagine visiva che viene messa a fuoco dietro la retina e non direttamente su di essa. Può essere causata da un bulbo oculare troppo piccolo o dalla capacità di messa a fuoco troppo debole.

E’ spesso presente dalla nascita, ma i bambini hanno una lente dell’occhio molto flessibile, che aiuta a compensare il problema. La maggior parte dei bambini cresce con la condizione. Con l’invecchiamento si verifica, e occhiali o lenti a contatto possono essere richieste per correggerla. Chi ha familiari ipermetropi ha più probabilità di diventarlo.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Occhi dolenti;
  • Vista offuscata da vicino;
  • Strabismo nei bambini;
  • Astenopia;
  • Mal di testa durante la lettura.

DIAGNOSI: Una visita oculistica generale può diagnosticare l’ipermetropia. Essa può includere:

  • Test del movimento degli occhi;
  • Test del glaucoma;
  • Test di rifrazione;
  • Esame della retina;
  • Esame con lampada a fessura;
  • Acuità visiva.

TERAPIA: L’ipermetropia è facilmente correggibile con occhiali o lenti a contatto. Le tecniche chirurgiche sono disponibili per la correzione e possono essere utilizzate da coloro che non vogliono portare le lenti.

PROGNOSI: Il risultato dovrebbe essere buono. Possibili complicazioni possono essere glaucoma e occhio pigro.

Contattare un medico se si sviluppano i sintomi dell’ipermetropia e non si effettua una visita oculistica da molto tempo; oppure se, dopo che è stata diagnosticata la condizione, la vista inizia a peggiorare o si sviluppano improvvisamente un forte dolore agli occhi, rossore o diminuzione della vista.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Photo Credits | Thinkstock