Acufene (Tinnito)

di Marco Mancini 5

Acufene (Tinnito)

Quella sensazione fastidiosa di un ronzio o fischio nelle orecchie è chiamata con il termine medico di acufene o tinnito. Questo problema, che può colpire uno solo o entrambe le orecchie, non ha una causa esterna. I suoni sembrano provenire all’interno dell’orecchio e sono descritti come suono, ronzio, sibilo o fischio. Non c’è nulla in realtà che causa il suono, si tratta di un fraintendimento tra il cervello ed i segnali provenienti dai nervi nell’orecchio.

Gli episodi di acufene possono essere brevi o può essere un problema permanente. Il rumore può influenzare la concentrazione e causare l’insonnia. Quando è molto insistente, può causare ansia e di tanto in tanto porta alla depressione. E’ più probabile che compaia dopo i 60 anni.

CAUSE: Il tinnito può essere associato a qualsiasi condizione anormale delle orecchie ed è spesso legato alla perdita di udito, in particolare legata all’invecchiamento (presbiacusia). Le cause più comuni includono:

  • Esposizione al rumore;
  • Presenza di cerume;
  • Lesione;
  • Stress;
  • Infezioni dell’orecchio;
  • Sindrome di Ménière;
  • Alcuni farmaci, come l’aspirina;
  • Tiroide iperattiva o anemia.

Il tinnito che si verifica in un solo orecchio dovrebbe essere preso più seriamente in quanto potrebbe essere causato da un neuroma acustico, un tumore raro che cresce intorno al nervo acustico che collega l’orecchio al cervello.

TERAPIA: Evitare l’esposizione a rumori forti ed evitare l’accumulo di cerume può aiutare a prevenire il tinnito. Se c’è una causa curabile di fondo, una volta che questa viene risolta, il tinnito dovrebbe scomparire. Assicurarsi che il problema che causa il tinnito non sia grave. Si può ricorrere alla consulenza e alla terapia antidepressiva se i sintomi causano ansia e depressione.

[Fonte: BBC]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.