Micosi, molto fastidiosa ma poco pericolosa; sifilide, ancora bassa la soglia di attenzione

di liulai 1

La candidosi genitale, così si chiama la classica micosi, dà fa­stidiosissime infezioni alla vagina e alla vulva, pro­voca perdite bianche, dolo­re durante i rapporti sessua­li, prurito e bru­ciore, ma non rappre­senta un vero e pro­prio rischio. Alcune stime parlano di tre donne su quattro che, almeno una volta nella loro vita, ne hanno sofferto. Se ne parla poco, ma in realtà può colpi­re anche i maschi: provoca chiazze rosse, prurito e bruciore al glande. Per curare la micosi esistono farmaci effi­caci e facili da usare, che si possono acquistare in farmacia senza ricetta medica.

La sifilide invece è causata da un batterio, il treponema pallidum e il contagio av­viene quasi esclusivamente per via sessuale. Spiega il professor Arisi

 «Il problema di que­sta infezione è che non dà immunizzazione e la si può contrarre più di una volta»

 La prima lesione, chiamata si­filide primaria, insorge a distan­za di due o quattro settimane dal contagio: riguarda i genitali esterni e si presenta come un nodulo rosso, un po’ umido, che dopo qualche giorno si tra­sforma in un’ulcera senza pro­vocare particolare dolore. In teoria questa lesione, che si chiama sifiloma, può manife­starsi anche sulla bocca, sulle mani, sui capezzoli, sull’ano e sull’uretra.

Dopo uno o due mesi guarisce spontaneamente. Ma più o meno nello stesso pe­riodo compare la sifilide secondaria: chiazze rosa pallido diffuse su tutto il corpo che, anche in questo caso, non danno né dolore né prurito. Poi, scompaiono spontaneamente in 20-70 giorni senza lasciare alcun segno. Se non viene dia­gnosticata e quindi curata, la si­filide, può condurre a lesioni generalizzate (sifilide ter­ziaria) agli organi interni e por­tare anche alla morte.

Anche se di questa malattia non si parla quasi più, nel mondo, secondo I’Oms, colpi­sce ancora circa 12 milioni di persone e ha un’elevata inci­denza sia in Africa, sia in Asia e in America Latina. In Italia, a partire dal 2000 è stato osservato da parte degli organismi sanitari un aumento delle infezioni rispetto ai decen­ni precedenti in cui andava riducendosi. In particolare, le aree più colpite sono quelle fortemente urba­nizzate di Lombardia, Piemonte, Lazio. Un problema certamente legato ai fenomeni migratori e alla prostituzione a cui sono co­strette molte donne straniere.

«È un incremento che si inseri­sce nella tendenza, come per altre patologie simili, che vede un calo di attenzione verso la prevenzione»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>