Intolleranza alimentare

di Marco Mancini 2

Intolleranza alimentare

L’intolleranza alimentare non va confusa con le allergie alimentari. Essa è una reazione avversa ad un qualche tipo di prodotto o ingrediente che si verifica ogni volta che il cibo è mangiato, ma soprattutto se se ne consuma grandi quantità. La differenza sostanziale con l’allergia alimentare è che qui il sistema immunitario non è attivato. Non è nemmeno la stessa cosa dell’intossicazione alimentare, che è causata da sostanze tossiche che possono causare sintomi in chi ha mangiato il cibo contaminato. L’intolleranza alimentare non comprende reazioni psicologiche al cibo.

CAUSE: L’intolleranza alimentare si verifica quando l’organismo non è in grado di assorbire un certo tipo di prodotto alimentare. Questo avviene di solito perché il corpo non produce abbastanza quantità di una particolare sostanza chimica o un enzima che serve per la digestione degli alimenti.

Ad esempio, uno dei tipi più comuni è l’intolleranza al latte vaccino, che contiene un tipo di zucchero chiamato lattosio. Molte persone hanno una carenza di lattasi, l’enzima che normalmente compone le cellule che rivestono l’intestino tenue. Senza questo enzima, non si può scomporre lo zucchero del latte in forme più semplici che possono essere assorbite nel flusso sanguigno. L’intolleranza al lattosio può causare sintomi molto simili alla sindrome del colon irritabile.

Un altro esempio comune è una carenza di un enzima chiamato alcol-deidrogenasi. Bere anche piccole quantità di alcool può far star male le persone che ne soffrono. Alcuni hanno reazioni avverse a conservanti e additivi chimici negli alimenti e bevande, come ad esempio i solfiti, benzoati, salicilati, il glutammato monosodico, la caffeina, l’aspartame e la tartrazina. La mancanza di un enzima specifico nel corpo può causare l’accumulo di sottoprodotti tossici e l’istamina, che può mimare i sintomi di un’allergia. In questo caso si parla di reazioni “pseudo-allergiche”.

L’intolleranza al lattosio è meno comune tra gli europei settentrionali e occidentali (dal 10 al 15% ne sono colpiti) rispetto agli asiatici, africani, nativi americani e alle popolazioni del Mediterraneo (dal 70 al 90%). I bambini di solito nascono con più elevati livelli di lattasi, l’intolleranza al lattosio così di solito inizia solo dopo l’età di circa due anni, quando il corpo comincia a produrre meno enzima. Ma in molte persone non si verificano sintomi fino all’adolescenza o all’età adulta. Ad una carenza temporanea di lattasi può seguire la gastroenterite, specialmente nei bambini. L’intolleranza all’alcool è comune tra i popoli asiatici, con il 50% della popolazione interessata.

SINTOMI: Le intolleranze alimentari sono raramente pericolose, ma possono causare spiacevoli sintomi come nausea, gonfiore, dolore addominale e diarrea, che può iniziare qualche ora o alcuni giorni dopo aver mangiato o bevuto l’alimento in questione. La gravità dei sintomi varia a seconda della quantità di enzima che la persona produce, e da come e quanto la maggior parte del cibo è stato consumato. Nell’intolleranza all’alcool, ci possono essere vampate di calore intenso della pelle, nausea, palpitazioni, mal di testa e sensazione di svenimento.

DIAGNOSI: Il test più semplice per una intolleranza alimentare è quello di eliminare il cibo dalla vostra dieta, vedere se i sintomi migliorano e poi provare a reintrodurre il cibo. Se i sintomi ritornano, l’intolleranza è probabile. L’intolleranza al lattosio può essere testata con test più accurati, come il test del respiro all’idrogeno e il test dell’acidità delle feci. Il medico può effettuare anche altri test più specifici.

TERAPIA: L’intolleranza alimentare può essere gestita semplicemente eliminando il cibo indigesto dalla vostra dieta. Per neonati o bambini più piccoli con una intolleranza al lattosio, può essere dato il latte di soia o una formula di latte ipoallergenico, invece del latte di mucca. Gli adulti possono essere in grado di tollerare piccole quantità di prodotti alimentari problematici, in modo da aver bisogno di sperimentare per capire cosa si può mangiare. Alcune gocce di lattasi o capsule possono essere utilizzate per l’intolleranza al lattosio.

E’ importante che, se i cibi sono esclusi dalla dieta, valide alternative vengano introdotte al fine di evitare carenze di nutrienti. Un dietologo può essere in grado di offrire consigli pratici su come raggiungere questo obiettivo. Rivolgersi al proprio medico di famiglia per discutere di eventuali intolleranze alimentari sospette prima di limitare la propria dieta.

[Fonte: BBC]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.