Onfalocele

di Marco Mancini 3

Onfalocele

L’onfalocele è un difetto di nascita in cui si nota una protuberanza degli organi intestinali o altri addominali dall’ombelico del neonato. Nei bambini con un onfalocele, gli intestini sono coperti solo da un sottile strato di tessuto e possono essere facilmente visibili. Un onfalocele è un tipo di ernia.

CAUSE: Un onfalocele si sviluppa quando un bambino cresce nel grembo della madre. I muscoli della parete addominale (anello ombelicale) non si chiudono bene. Come risultato, l’intestino rimane al di fuori del cordone ombelicale. Circa il 25-40% dei neonati con un onfalocele hanno altri difetti di nascita come problemi genetici (anomalie cromosomiche), ernia diaframmatica congenita e difetti cardiaci.

SINTOMI: Un onfalocele può essere visto chiaramente, perchè il contenuto addominale sporge attraverso la zona ombelicale. Ci sono diverse misure di onfaloceli. In quelli piccoli, sporgono solo gli intestini; in quelli più grandi, il fegato o la milza possono sporgere dal corpo.

DIAGNOSI: Le ecografie prenatali spesso identificano l’onfalocele prima della nascita. In caso contrario, un esame fisico del bambino è sufficiente per la valutazione. Nessun altro test di solito è necessario.

TERAPIA: L’onfalocele viene curato con un intervento chirurgico, anche se non sempre immediatamente. Un sacco protegge il contenuto addominale e consente di agire sugli altri problemi più gravi (come i difetti del cuore) da affrontare prioritariamente. Per fissare un onfalocele, la sacca è ricoperta con uno speciale materiale artificiale, che viene poi cucito al posto giusto. Lentamente, col passare del tempo, il contenuto addominale viene spinto nell’addome.

Quando l’onfalocele si può comodamente inserire all’interno della cavità addominale, il materiale artificiale viene rimosso e l’addome è chiuso. A volte l’onfalocele è così grande che non può essere ricollocato all’interno dell’addome del bambino. La pelle intorno all’onfalocele cresce e si estende con l’onfalocele. I muscoli addominali e la pelle possono essere riparati quando il bambino cresce.

PROGNOSI: Il recupero completo è previsto dopo l’intervento chirurgico. Tuttavia, l’onfalocele spesso si verifica con altri difetti di nascita, così la guarigione dipende anche dagli altri problemi. Se l’onfalocele è identificato prima della nascita, la madre deve essere attentamente monitorata per assicurarsi che il feto rimanga sano. Il parto dev’essere pianificato per una corretta gestione dopo la nascita. Il bambino deve essere trasportato in un centro medico in grado di curarlo. Le possibilità di guarigione aumentano se non c’è bisogno di ulteriori trattamenti.

I genitori dovrebbero prendere in considerazione lo screening prenatale per altri problemi genetici associati a questa condizione. Possibili complicazioni possono essere la morte del tessuto intestinale o un’infezione intestinale.

Questo problema viene diagnosticato e riparato in ospedale alla nascita. Dopo il ritorno a casa, chiamare il medico se il bambino sviluppa uno di questi sintomi:

  • Diminuzione della defecazione;
  • Problemi di alimentazione;
  • Febbre;
  • Vomito verde o giallastro;
  • Gonfiore nella pancia;
  • Vomito diverso dal normale;
  • Cambiamenti comportamentali in negativo.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>