Paralisi cerebrale

di Marco Mancini 2

Paralisi cerebrale

La paralisi cerebrale è uno stato che può coinvolgere il cervello e le funzioni del sistema nervoso come il movimento, l’apprendimento, l’udito, la vista ed il pensiero. Ci sono diversi tipi di paralisi cerebrale, compresa quella spastica, discinetica, atassica, ipotonia, e mista.

CAUSE: La paralisi cerebrale è causata da lesioni o anomalie del cervello. La maggior parte di questi problemi si verificano durante la gravidanza, ma può accadere in qualsiasi momento durante i primi 2 anni di vita, mentre il cervello del bambino è ancora in via di sviluppo. In alcune persone le parti del cervello sono lesionate a causa di bassi livelli di ossigeno (ipossia) nella zona. Non si sa perché questo si verifichi.

I bambini prematuri hanno un rischio leggermente più elevato di sviluppare la paralisi cerebrale, la quale può verificarsi anche durante la prima infanzia a seguito di diverse condizioni, tra cui:

  • Sanguinamento nel cervello;
  • Infezioni cerebrali (encefalite, meningite, infezioni da herpes simplex);
  • Trauma cranico;
  • Infezioni della madre durante la gravidanza (rosolia);
  • Ittero grave.

In alcuni casi la causa della paralisi cerebrale non è mai determinata.

SINTOMI: I sintomi della paralisi cerebrale possono essere molto diversi. I più comuni possono essere:

  • Molto leggeri o molto gravi;
  • Coinvolgere solo un lato del corpo o entrambe le parti;
  • Essere più pronunciati in entrambe le braccia o le gambe, o coinvolgere tutti gli arti contemporaneamente.

I sintomi sono di solito vengono notati prima che un bambino compia 2 anni e, talvolta, iniziano prima dei 3 mesi. I genitori possono notare che il loro bambino è in ritardo nel raggiungere alcuni stadi dello sviluppo come la posizione seduta, gattonare o camminare. Ci sono diversi tipi di paralisi cerebrale. Alcune persone hanno un mix di sintomi.

I sintomi di paralisi cerebrale spastica, il tipo più comune, comprendono:

  • I muscoli che sono molto stretti e non contratti. Essi possono inasprirsi ancora di più nel corso del tempo;
  • Anomalie di movimento: le braccia si muovono verso i lati, le ginocchia si incrociano o si toccano, le gambe si mettono a “forbice” nei movimenti;
  • Le giunture sono strette (contrattura);
  • C’è debolezza muscolare o perdita di movimento in un gruppo di muscoli (paralisi);
  • I sintomi possono influenzare un braccio o una gamba, un lato del corpo, entrambe le gambe, o entrambe le braccia e le gambe.

I seguenti sintomi possono verificarsi in altri tipi di paralisi cerebrale:

  • Movimenti anormali (torsioni, strappi) delle mani, piedi, braccia o gambe, mentre si sta svegli, che peggiorano durante i periodi di stress;
  • Tremori;
  • Andatura instabile;
  • Perdita di coordinazione;
  • Muscoli flaccidi, soprattutto a riposo, con le articolazioni che si muovono troppo.

Altri sintomi del sistema nervoso sono:

  • Diminuzione dell’intelligenza o della capacità di apprendimento;
  • Problemi della sintesi vocale (disartria);
  • Problemi di vista o di udito;
  • Epilessia;
  • Dolore, soprattutto negli adulti, che può essere difficile da gestire.

Sintomi digestivi:

  • Succhiare con difficoltà per i neonati, o masticare e deglutire negli adulti;
  • Problemi di deglutizione (a tutte le età);
  • Vomito o stitichezza.

Altri sintomi:

  • umento della salivazione;
  • Crescita più lenta;
  • Respirazione irregolare;
  • Incontinenza urinaria.

DIAGNOSI: Un esame neurologico completo è importante. Nelle persone anziane, il test di funzionalità cognitiva è più comune. I seguenti esami possono essere effettuati, ma non sono gli unici:

  • Esami del sangue;
  • Tomografia Computerizzata del capo;
  • Elettroencefalogramma;
  • Test dell’udito;
  • Risonanza magnetica della testa;
  • Test della vista.

TERAPIA: Non esiste una cura per la paralisi cerebrale. L’obiettivo del trattamento è quello di aiutare la persona ad essere il più indipendente possibile. Il trattamento richiede un approccio di squadra, tra cui:

  • Medico per l’assistenza primaria;
  • Dentista (controlli ogni 6 mesi);
  • Assistente Sociale;
  • Infermiere;
  • Terapisti professionali fisici e logopedisti;
  • Altri specialisti, tra cui un neurologo, il medico di riabilitazione, pneumologo e gastroenterologo.

Il trattamento si basa sui sintomi della persona e la necessità di prevenire le complicanze. Mettere il bambino nella scuola pubblica è raccomandato, a meno che la disabilità fisica o mentale lo renda impossibile. I seguenti apparecchi possono aiutare con la comunicazione e l’apprendimento:

  • Occhiali;
  • Apparecchi acustici;
  • Stampelle;
  • Tutore;
  • Sedie a rotelle.

La terapia fisica, occupazionale, aiuto ortopedico o altri trattamenti possono essere necessari per aiutare con le attività quotidiane e la cura. I farmaci possono includere:

  • Anticonvulsivanti per prevenire o ridurre la frequenza delle crisi epilettiche;
  • Tossina botulinica per aiutare con spasticità e salivazione eccessiva;
  • Miorilassanti (baclofen) per ridurre la spasticità e tremori.

La chirurgia può essere necessaria in alcuni casi a:

  • Controllare il reflusso gastroesofageo;
  • agliare determinati nervi dal midollo spinale per alleviare il dolore e la spasticità;
  • Tubi per l’alimentazione;
  • Curare le contratture.

PROGNOSI: La paralisi cerebrale è una malattia che dura per tutta la vita. L’assistenza a lungo termine può essere necessaria. Il disturbo non influisce sulla durata prevista della vita. L’importo della disabilità varia. Molti adulti sono in grado di vivere in comunità, autonomamente o con diversi livelli di aiuto. Nei casi più gravi, la persona può avere bisogno di essere messa in un istituto. Possibili complicazioni possono essere:

  • Osteoporosi;
  • Occlusione intestinale;
  • Lussazione o artrite dell’anca;
  • Gli infortuni da cadute;
  • Contratture;
  • Polmonite causata da soffocamento;
  • Cattiva alimentazione;
  • Capacità di comunicazione ridotta;
  • Intelletto ridotto;
  • Scoliosi;
  • Convulsioni;
  • Difficoltà sociali.

Contattare un medico se i sintomi di paralisi cerebrale si sviluppano, soprattutto se si sa che un infortunio si è verificato durante il parto o nella prima infanzia.

PREVENZIONE: Trovare la cura adeguata prenatale può ridurre il rischio di alcune cause rare di paralisi cerebrale. Tuttavia, i miglioramenti nella cura negli ultimi 15 anni non hanno ridotto il tasso di paralisi cerebrale. Nella maggior parte dei casi, il danno che causa la malattia non può essere prevenibile. Le donne incinte con determinate patologie possono aver bisogno di essere seguite in una clinica ad alto rischio prenatale.

Fonti: [Johnston MV. Encefalopatie. In: Kliegman RM, Behrman RE, Jenson HB, Stanton BF, eds. Nelson Textbook of Pediatrics. 18a ed. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier, 2007; Whelan MA. Parametro di Pratica: valutazione diagnostica del bambino con paralisi cerebrale: relazione della sottocommissione Standard di qualità della American Academy of Neurology e il Comitato pratica della Child Neurology Society. Neurology. 2004; http://health.nytimes.com/health/; Reid SM, Johnstone BR, Westbury C, Rawicki B, Reddihough DS. Studio randomizzato di iniezioni di tossina botulinica nelle ghiandole salivari di ridurre sbavare nei bambini con disturbi neurologici. Dev Med Child Neurol. 2008; Sakzewski L, Ziviani J, Boyd R. revisione sistematica ed una meta-analisi di gestione terapeutica della disfunzione dell’arto superiore nei bambini con emiplegia congenita. Pediatrics. 2009]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.