Preeclampsia

di Marco Mancini 4

Preeclampsia

La preeclampsia è una condizione della gravidanza in cui la pressione alta e le proteine nelle urine si sviluppano dopo la 20esima settimana di gravidanza.

CAUSE: L’esatta causa non è nota, ma potrebbe essere:

  • Disordini autoimmuni;
  • Problemi nei vasi sanguigni;
  • Dieta;
  • Problemi genetici.

La preeclampsia si verifica in una piccola percentuale di gravidanze. I fattori di rischio includono:

  • Prima gravidanza;
  • Gravidanza multipla;
  • Obesità;
  • Avere più di 35 anni;
  • Avere diabete, pressione alta o malattie renali.

SINTOMI: Spesso le donne con diagnosi di preeclampsia non si sentono malate. I sintomi possono includere:

  • Gonfiore delle mani e del viso/occhi (edema);
  • Aumento di peso improvviso nell’arco di una settimana.

Un gonfiore ai piedi e alle caviglie è considerato normale con la gravidanza. I sintomi della preeclampsia più gravi sono:

  • Mal di testa sordo o lancinante e che non va via;
  • Dolori addominali, per lo più sentiti sul lato destro, sotto le costole. Il dolore può essere avvertito anche nella spalla destra, e può essere confuso con un bruciore di stomaco, mal di cistifellea, un virus allo stomaco o il bambino che scalcia;
  • Agitazione;
  • Diminuzione della produzione di urina;
  • Nausea e vomito;
  • Modifiche della vista come perdita temporanea della vista, sensazioni di luci lampeggianti, ombre, sensibilità alla luce, macchie e vista sfocata.

DIAGNOSI: Il medico dovrà eseguire un esame fisico e prove di laboratorio. I segni della preeclampsia includono:

  • Alta pressione sanguigna, di solito superiore a 140/90 mm / Hg;
  • Proteine nelle urine (proteinuria).

L’esame fisico può rivelare anche un gonfiore delle mani e del viso e un aumento di peso. Gli esami del sangue e delle urine saranno effettuati. Risultati anomali possono apparire in:

  • Proteine nelle urine (proteinuria);
  • Enzimi epatici;
  • Conta piastrinica inferiore a 100.000 (trombocitopenia).

Il medico ordinerà inoltre il test per vedere la capacità di coagulazione del sangue, e per monitorare la salute del bambino come l’ecografia, test di non-stress ed un profilo biofisico. I risultati di queste analisi aiuteranno il medico a decidere se il bambino ha bisogno di essere partorito immediatamente. Le donne che hanno iniziato la loro gravidanza con la pressione molto bassa, ma hanno avuto un aumento significativo della pressione arteriosa devono essere sotto osservazione per altri segni di preeclampsia.

TERAPIA: L’unico modo per curare la preeclampsia è quello di partorire. Se il bambino è abbastanza sviluppato (in genere dopo 37 settimane o più tardi), il medico può decidere di farvi partorire con un cesareo in modo che la preeclampsia non peggiori. Se il bambino non è completamente sviluppato e la preeclampsia è lieve, la malattia può essere spesso gestita in casa fino a quando il bambino non ha acquisito una buona probabilità di sopravvivere dopo il parto. Il medico di solito raccomanda quanto segue:

  • Riposo a letto, stando sdraiate sul lato sinistro, la maggior parte o tutto il tempo;
  • Bere molti bicchieri d’acqua e mangiare meno sale;
  • Sottoporsi a controlli medici più spesso per assicurarsi che tu e il tuo bambino stiate bene;
  • Assunzione di farmaci per abbassare la pressione sanguigna (in alcuni casi);
  • Chiamare immediatamente il medico se si guadagna troppo peso o sorgono nuovi sintomi.

In alcuni casi, una donna incinta con la preeclampsia è ricoverata in ospedale in modo che i medici possano osservare più da vicino il bambino e la madre. Il trattamento può comportare:

  • Farmaci somministrati endovena per controllare la pressione sanguigna, e per prevenire le convulsioni e altre complicazioni;
  • Iniezioni di steroidi (dopo 24 settimane) per contribuire ad accelerare lo sviluppo dei polmoni del bambino;
  • Considerazione su un possibile parto precoce.

Il bambino deve essere partorito se si hanno segni di preeclampsia severa, che comprendono:

  • Test (ecografia, profilo biofisico) che mostrano che il bambino non sta crescendo bene o non ottiene sempre sufficiente sangue ed ossigeno;
  • Il numero inferiore di pressione del sangue della madre si conferma essere più di 110 mmHg o è superiore a 100 mmHg con coerenza nel corso di un periodo di 24 ore;
  • Anomalie nei test di funzionalità epatica;
  • Forti mal di testa;
  • Dolore nella zona della pancia;
  • Eclampsia;
  • Fluido nei polmoni della madre (edema polmonare);
  • Sindrome di HELLP;
  • Bassa conta piastrinica (trombocitopenia);
  • Declino della funzione renale (bassa quantità di urina, grandi quantità di proteine nelle urine, aumento del livello di creatinina nel sangue).

PROGNOSI: Di solito la pressione alta, proteine nelle urine, e altri effetti della preeclampsia spariscono completamente entro 6 settimane dopo il parto. Tuttavia, a volte la pressione alta è destinata a peggiorare nei primi giorni dopo il parto. Una donna con una storia di preeclampsia mette a rischio anche le successive gravidanze, anche se la gravità può cambiare.

Le donne che hanno problemi di alta pressione sanguigna durante più di una gravidanza hanno un rischio maggiore per la pressione alta quando invecchiano. La morte della madre a causa della preeclampsia è rara ed il rischio infantile di morte dipende dalla gravità della preeclampsia e di quanto prematuramente il bambino è nato. Possibili complicazioni possono essere

  • Eclampsia, se la madre ha crisi epilettiche;
  • Complicanze del parto prematuro;
  • Problemi di sanguinamento;
  • Separazione prematura della placenta dall’utero prima che il bambino sia nato (distacco della placenta);
  • Rottura del fegato;
  • Ictus;
  • Morte (raramente).

Tuttavia queste complicanze sono inusuali. La preeclampsia grave può portare alla sindrome HELLP. Contattare un medico se si hanno sintomi di preeclampsia durante la gravidanza.

PREVENZIONE: Sebbene non ci sia alcun modo noto per prevenire la preeclampsia, è importante per tutte le donne in gravidanza iniziare la cura prenatale precoce e continuarla durante la gravidanza. Questo consente al medico di individuare e curare le malattie come la preeclampsia precoce. La corretta cura prenatale è fondamentale. Ad ogni check-up il medico controllerà il peso, pressione arteriosa, e proteine nelle urine della madre per lo screening per preeclampsia.

Come per ogni gravidanza, una buona dieta prenatale piena di vitamine, antiossidanti, minerali, e tutti i gruppi alimentari di base è importante. Tagliare i prodotti alimentari trasformati, zuccheri raffinati, caffeina, alcool e farmaci non prescritti da un medico è essenziale. Parlate con il vostro medico curante prima di assumere qualsiasi integratore, comprese le preparazioni a base di erbe.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.