Stenosi mitralica

di Marco Mancini 1

Stenosi mitralica

La stenosi mitralica è una patologia della valvola cardiaca che riguarda la valvola mitrale. Questa valvola separa la camera superiore da quella inferiore sul lato sinistro del cuore. Stenosi si riferisce ad una condizione in cui la valvola non si apre completamente, limitando il flusso di sangue.

CAUSE: La stenosi mitralica impedisce di aprire la valvola in modo corretto. Questo impedisce l’adeguato flusso di sangue tra l’atrio sinistro (camera alta del cuore) e ventricolo sinistro (camera bassa del cuore). Dato che l’area della valvola diventa più piccola, il sangue scorre di meno nel corpo. La camera superiore del cuore si gonfia quando la pressione si accumula. Il sangue può rifluire nei polmoni, raccogliersi nel tessuto polmonare (edema polmonare), e rendere difficile la respirazione.

Negli adulti, la stenosi mitralica si verifica più spesso in coloro che hanno avuto la febbre reumatica. I problemi alla valvola si sviluppano 5-10 anni dopo la febbre reumatica. Solo raramente altri fattori causano la stenosi mitralica negli adulti. Questi includono depositi di calcio che si formano attorno alla valvola mitrale, il trattamento con radiazioni al torace e alcuni farmaci. I bambini possono nascere con la stenosi mitralica (congenita) o altri difetti di nascita che coinvolgono il cuore che causano la stenosi mitralica. Spesso, ci sono altri difetti cardiaci presenti. La stenosi mitralica può essere ereditaria.

SINTOMI: Negli adulti possono non esserci sintomi. I sintomi possono, tuttavia, apparire o peggiorare con l’esercizio o qualsiasi attività che aumenta la frequenza cardiaca. Negli adulti, i sintomi si sviluppano di solito tra i 20 e 50 anni. I sintomi possono iniziare con un episodio di fibrillazione atriale o possono essere innescati da gravidanza o altro stress sul corpo come l’infezione nel cuore o polmoni o altri disturbi cardiaci. I sintomi possono includere:

  • Fastidio al torace che aumenta con l’attività, diminuisce con il riposo, si irradia al braccio, collo, mandibola, o in altre aree, e si manifesta come una pressione o costrizione al petto;
  • Tosse, anche con sangue (emottisi);
  • Difficoltà di respirazione durante o dopo l’esercizio fisico o quando si sta distesi, ad esempio nel risveglio con difficoltà respiratoria;
  • Fatica, stanchezza;
  • Frequenti infezioni respiratorie come la bronchite;
  • Palpitazioni;
  • Gonfiore dei piedi o alle caviglie.

Nei neonati e nei bambini, i sintomi possono essere presenti fin dalla nascita, e quasi sempre si sviluppano entro i primi 2 anni di vita. I sintomi includono:

  • Cianosi;
  • Scarsa crescita;
  • Mancanza di fiato.

DIAGNOSI: Il medico ascolta il cuore e i polmoni con lo stetoscopio. Un mormorio distintivo o altri suoni cardiaci anomali possono essere sentiti. Il mormorio tipico è un rombo che si sente sul cuore durante la fase di riposo del battito cardiaco. Il suono diventa più forte poco prima che il cuore comincia a contrarsi.

L’esame può anche rivelare un battito cardiaco irregolare o congestione polmonare. La pressione arteriosa è solitamente normale. Il restringimento o l’ostruzione della valvola o gonfiore delle camere cardiache superiori potrebbero essere notati su:

  • Cateterismo cardiaco;
  • Radiografia del torace;
  • Doppler a ultrasuoni;
  • Ecocardiogramma;
  • Elettrocardiogramma;
  • Risonanza Magnetica del cuore;
  • Ecocardiogramma transesofageo.

TERAPIA: Il trattamento dipende dai sintomi e dalla condizione del cuore e dei polmoni. Le persone con sintomi lievi o nulle possono non aver bisogno del trattamento. Il ricovero può essere necessario per la diagnosi e per il trattamento di sintomi gravi. Ci sono un certo numero di opzioni differenti di trattamento.

I farmaci sono usati per trattare i sintomi dell’insufficienza cardiaca o anomalie del ritmo cardiaco (più comunemente fibrillazione atriale). Questi includono diuretici, nitrati e beta-bloccanti. L’alta pressione sanguigna dovrebbe anche essere curata. Anticoagulanti (fluidificanti del sangue) sono utilizzati per prevenire la formazione di coaguli di sangue.

Alcuni pazienti possono richiedere l’intervento chirurgico al cuore per riparare o sostituire la valvola. La valvotomia mitralica percutanea con palloncino (chiamata anche valvuloplastica) può essere considerata al posto dell’intervento chirurgico. Durante questa procedura, un catetere è inserito in una vena, di solito nella gamba, verso il cuore. Un pallone sulla punta del catetere viene gonfiato, allargando la valvola mitrale e migliorando il flusso sanguigno. Questa procedura è meno efficace nei pazienti con gravi danni alla valvole mitrale. I bambini spesso richiedono un intervento chirurgico per riparare o sostituire la valvola mitrale.

Le persone con stenosi mitralica devono informare il proprio medico delle loro condizioni prima di procedure dentali o interventi chirurgici, e qualsiasi procedura invasiva, come la colonscopia, che possono introdurre i batteri nel sangue. Questi batteri possono infettare una valvola cardiaca danneggiata. Anche se ai pazienti con problemi valvolari non sono più assegnati automaticamente antibiotici prima di qualsiasi procedura dentale o altro, gli antibiotici possono ancora essere assegnati in alcuni casi per ridurre il rischio di infezione delle valvole e le complicanze.

PROGNOSI: Il risultato varia. Il disturbo può essere lieve, senza sintomi, o può essere più grave e, infine, invalidante. Le complicanze possono essere gravi o mortali. La stenosi mitralica è solitamente controllabile con il trattamento e migliora con la valvuloplastica o la chirurgia. Possibili complicazioni possono essere:

  • Fibrillazione atriale e flutter atriale;
  • Coaguli di sangue al cervello (ictus), intestino, reni, o in altre aree;
  • Insufficienza cardiaca;
  • Edema polmonare;
  • Ipertensione polmonare.

Contattare im medico se si hanno i sintomi della stenosi mitralica e se i sintomi non migliorano con il trattamento, o ne compaiono di nuovi.

PREVENZIONE: Seguire il trattamento raccomandato dal medico e trattare tempestivamente la febbre reumatica. Avvisare il proprio medico se ci sono casi in famiglia di malattie cardiache congenite. La stenosi mitralica stessa spesso non può essere prevenuta, ma le complicanze sì.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>